Posts by Michele Covolan

Edisu

Smarriti…ma ritrovati!

Ti è capitato si studiare in una delle aule studio Edisu e di dimenticare un oggetto personale? Non preoccuparti, la possibilità di recuperarlo c’è!

È sufficiente chiedere nella Reception della Sala studio in cui l’oggetto è stato ritrovato oppure consultare il sito di Edisu.

Ecco gli ultimi oggetti smarriti in Sala studio che sono stati ritrovati:

Se invece non potessi recuperarli, sappi che verranno conservati nella Sala studio Michelangelo Buonarroti 17/BIS presso l’ufficio del Prestito testi universitari per circa sei mesi.

Ricorda che durante i primi 15 giorni dal ritrovamento, l’oggetto resta nella Reception della Sala studio in cui è stato trovato ma, se non ricordi dove puoi averlo perso, puoi seguire gli aggiornamenti sul sito e sui canali social media di Edisu e poi andare a recuperarlo al Prestito testi universitari!

Ipertesi

Si chiama Ipertesi la singolare iniziativa di Fondazione Merz: un ciclo di appuntamenti che ha portato e porterà ancora, in questa nuova edizione, laureandi e neolaureati nelle ampie sale della Fondazione. Studenti e studentesse, dell’Accademia Albertina o dell’Università degli Studi di Torino, avranno la possibilità di presentare pubblicamente il percorso di ricerca e gli studi alla base delle loro tesi di laurea. Accompagnati da docenti ed esperti del settore, le giovani voci coinvolte proporranno riflessioni, approfondimenti e gli eventuali risultati dei lavori svolti. Gli ambiti di ricerca, come il luogo esige, verteranno sui temi propri della storia dell’arte e sulle declinazioni dei linguaggi espressivi contemporanei.

Ipertesi, promosso dal Dipartimento Educazione della Merz, è un’occasione di accesso profondo all’arte, guidato dalla voce inaudita delle nuove leve accademiche, all’interno di spazi particolari: quelli della Fondazione Merz, centro d’arte contemporanea nato dall’ex centrale termica delle Officine Lancia. La Fondazione alterna le esposizioni dedicate a Mario e Marisa Merz a grandi progetti di artisti internazionali. Al momento è visitabile la mostra di Petrit Halilaj, vincitore della seconda edizione del Mario Merz Prize.

Programma

  • 13 novembre 2018 ore 17. Davide Ballario, in dialogo con Luca Beatrice e Maria Teresa Roberto, presenterà Alberto Garutti – Monografia e Interviste.
    La tesi nasce dalla volontà di delineare un ritratto il più possibile completo e comprensivo della figura di Alberto Garutti, nelle sue vesti di artista e di docente. All’analisi di ciascuno di questi ruoli è dedicata una parte della ricerca che racconta il lavoro di uno degli artisti italiani tra i più rilevanti sul piano nazionale e internazionale e cerca le ragioni del successo dei suoi corsi di Pittura e Arti Visive, testimoniato da un grande numero di artisti che si sono formati sotto la sua direzione.
  • 5 dicembre 2018 ore 17. Anna Pezzoli in dialogo con Francesca Comisso e Maria Teresa Roberto.
escp open day

Il Campus torinese di ESCP Europe, business school internazionale che, dal 2004, ha accolto anche Torino nella rosa delle sue sedi europee, insieme con Berlino, Parigi, Madrid, Londra e Varsavia, torna sabato 10 novembre 2018 con un grande Open Day, dedicato a potenziali studenti o semplici curiosi.

ESCP Turin è un campus giovane, posto al centro di un fitto intreccio, quello della realtà torinese, tra territorio, imprenditoria locale (oltre la metà delle attività di ESCP sono rivolte al mondo delle imprese) e vocazione internazionale. Il campus, infatti, accoglie studenti nazionali e internazionali, provenienti da più di 30 paesi diversi, in un’offerta formativa dedicata al business e alla formazione dirigenziale.

L’Open Day del 10 novembre 2018 è un’opportunità preziosa per conoscere da vicino il mondo ESCP e per i potenziali studenti di comprendere meglio i programmi, la cultura, l’internazionalità e i valori della Business School, parlando con studenti, i professori e Alumni.

 

Agenda dell’Open Day:

Dalle 9.30 Registrazione dei partecipanti

10.00-11.00 Corso di laurea in Management

10.00-11.00 MBA in Management Internazionale

11.00-12.00 Master in Management

12.00-13.00 Master in International Food & Beverage Management,
Master in Hospitality and Tourism Management

*Se sei interessato al programma Executive MBA, puoi richiedere di fissare un appuntamento.

 

Tutti i partecipanti sono tenuti a registrarsi prima di accedere alla sessione informativa di loro interesse.

 

Settimanissima

Cominicia la Settimanissima, i giorni torinesi in cui la città si fa più densa e viva di eventi. Due parole d’ordine: Arte Contemporanea, quella di Artissima, giunta alla sua venticinquesima edizione, ma anche Musica Elettronica, quella di C2C18, il più importante festival in Italia e tra i più apprezzati in Europa, dedicato all’avanguardia musicale e al nuovo pop.

Fare un compendio sintetico e al contempo esaustivo di tutti gli eventi in programma è difficile perchè i giorni della Settimanissima sono pochi e gli eventi sono tanti. Proponiamo qui, una selezione di eventi e inaugurazioni, da oggi 31 ottobre, sino a domenica 4 novembre, giorno in cui si chiuderanno tutte le issime di Torino.

31 ottobre

Mucho Mas
corso Brescia 89, Torino
Decor by Thom K at NESXT
dalle ore 16 alle 19.30

VIA PISA 53
Athanasius Kircher
dalle ore 16 alle 24

Cripta 747
via Quittengo 41 BIS, Torino
Andrew Wagner, Gernot Wieland: Open Studio
dalle ore 18:30 alle 21:30

Paratissima Art Fair
Caserma La Marmora – Via Asti, Torino
dalle ore 18 alle 24

1 novembre

Galleria Franco Noero
C-CUT – Homo Ab Homine Natus
Piazza Carignano 2, Torino
dalle ore 09.30 alle 21.30

Flashback
Pala Alpitour – Corso Sebastopoli 123, Torino
dalle ore 11 alle 20

Wild Mazzini
Where, When, How many? – Exhibition about migrations
Via Giuseppe Mazzini 33, Torino
dalle ore 14 alle 22

DAMA
Via Bligny 2, Torino
dalle ore 18 alle 22

The Others Art Fair
Ex Ospedale Maria Adelaide –  Lungo Dora 87, Torino
dalle ore 20 alle 24.30

2 novembre

Pinacoteca Giovanni e Marella Agnelli
Giuseppe Chiari | La Luce (Torino)
Lingotto – Via Nizza 230/103, Torino
dalle 10.30 alle 19.30

Artissima
Oval Lingotto Fiere – via Giacomo Mattè Trucco 70, Torino
dalle ore 12 alle 20

Fondazione Sandretto Re Rebaudengo
OccupySandretto | 4 nuove mostre
Via Modane 16, Torino
dalle ore 19 alle 21

3 novembre

Notte della Arti Contemporanee 2018
TAG Torino Art Galleries

Alberto Peola Arte Contemporanea
Select Haystacks, 1989-ongoing
Via della Rocca 29, Torino
dalle ore 18 alle 24

Photo & Contemporary
Optical Word
Via dei Mille 36, Torino
dalle 18 alle 24

In-Arco
Movimento, Luce e Creatività Infantile – Bruno Munari, Enrico Prampolini
Piazza Vittorio Veneto 3, Torino
dalle ore 18.30

Norma Mangione
Meisenfloo
Piazza Solferino 2 , Torino
Dalle ore 19 alle 24

Gagliardi e Domke
FABIO VIALE | Fifteen
Via Cervino 16, Torino
dalle 20 alle 24

Guido Costa Projects
cosa in sè
Via Giuseppe Mazzini, 24
dalle 21

PAV – Parco Arte Vivente
Weed Party III / Il Partito delle Erbacce
Via Giordano Bruno 31, Torino
Dalle 18 alle 23

4 novembre

Club Palazzo
C2C18 • Club Palazzo • Block Party at Balôn
Balon – Via Vittorio Andreis 14, Torino
dalle ore 11 alle 21

 

Mostra fotografica Lavazza

“2030: WHAT ARE YOU DOING?”

Mostra fotografica Lavazza sugli obiettivi dello sviluppo sostenibile

dal 30 ottobre al 10 novembre

presso la Biblioteca Bobbio del Campus Einaudi

Il Green Office di Ateneo UniToGO e la Biblioteca Norberto Bobbio sono lieti di invitarvi alla mostra fotografica dedicata all’edizione 2018 del  calendario Lavazza: “2030: What Are You Doing?” incentrata sui 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.

Il calendario Lavazza 2018  – un progetto creativo di Armando Testa –  e la mostra ad esso dedicata, si compongono di ritratti del fotografo Platon a 17 ambasciatori impegnati per la sostenibilità ambientale, sociale ed economica che testimoniano il proprio impegno concreto per lo sviluppo sostenibile. Tra i 17 ambasciatori ritratti, spiccano nomi di rilievo come il Direttore del Network dell’Onu per lo Sviluppo Sostenibile, Jeffrey Sachs, il fondatore di Slow Food Carlin Petrini, lo chef Massimo Bottura, l’attore statunitense Jeremy Renner, la paladina degli oceani Alexandra Cousteau, il campione di tennis Andre Agassi e molti altri.

All’inaugurazione della mostra -30 ottobre ore 18.00 presso la Biblioteca Bobbio del Campus Einaudi- il Delegato del Rettore alla Sostenibilità Ambientale Egidio Dansero e il Prof. Giacomo Buchi del Dipartimento di Economia e Management dialogheranno con Laura Tondi di Lavazza sulla domanda al centro della mostra “E tu, che cosa stai facendo?” per lo sviluppo sostenibile e sull’importanza della sensibilizzazione della cittadinanza anche attraverso manifestazioni artistiche, come l’opera di arte urbana promossa da Lavazza e la Città di Torino e realizzata dall’artista Vesod Brero in Viale Ottavio Mai e presentata in occasione del Festival dello Sviluppo Sostenibile 2018.

Challenge Conservazione del cibo e sostenibilità
Cara studentessa/laureata, caro studente/laureato di ogni area disciplinare, pensi di sapere come ridurre lo spreco alimentare proveniente dalle abitazioni? Vuoi contribuire alla progettazione di un nuovo scenario domestico flessibile e sostenibile, legato alla preparazione e alla conservazione degli alimenti? QUESTA È LA CHALLENGE CHE FA PER TE!

Il food waste definito anche “spreco alimentare” derivante dalla grande disponibilità di cibo nelle abitazioni, non è un problema solo di risorse economiche che si sperperano, ma incide notevolmente anche su risorse naturali e risorse energetiche utilizzate in tutti i processi della catena alimentare. Il food waste sta diventando un fenomeno sempre più emergente e le soluzioni in campo sono pressochè inesistenti.

Questa challenge intende indagare nuove e più efficienti modalità di conservazione dei cibi pensate ad hoc per ogni alimento e valutarne l’impatto sulle abitudini domestiche.

Il frigorifero è parte integrante di un paradigma fondato sulla velocità di preparazione e sul consumo dei pasti che favorisce la diffusione di alimenti precotti facendo emergere il relativo problema dello smaltimento dei packaging. Quali scenari potrebbe aprire l’introduzione di nuovi metodi di conservazione degli alimenti?


Conservazione del cibo e sostenibilità.
Dinamiche sociali e comportamenti digitali relativi alla conservazione e all’utilizzo del cibo. Una giornata con il frigorifero. In collaborazione con Fablab e Kynerion.
La call è aperta a tutti i laureati, studenti magistrali e dottorandi del Politecnico e dell’Università di Torino.
Il termine delle iscrizioni è prorogato a Lunedì 29 ottobre 2018 ore 12:00.

La candidatura dovrà pervenire tramite Apply (http://apply.polito.it).
Per sottoporre la tua candidatura clicca su “Registrazione” e compila una breve anagrafica per creare un account, tieni a portata il codice fiscale e la carta d’identità.

Una volta ricevute le credenziali di accesso segui questa procedura:
– Clicca su Scegli percorso, Aggiungi iscrizione, LABORATORI, CLab Workshop
– Continua la procedura sulla voce “Laboratori” nella barra laterale, fino a selezionare la challenge CLab corrente.
– Gli allegati richiesti sono CV, lettera di motivazione e un allegato a scelta per presentarsi al meglio.

Gli studenti selezionati accederanno al colloquio con modalità che verranno comunicate il 29.

La challenge si svolgerà , dal 5 al 8 novembre 2018 presso il CLab, Cortile del Rettorato dell’Università di Torino in via Verdi n°8, il 9 novembre in sede da definire e presso il FabLab sito in via Egeo n°16, dal 12 al 16 novembre.

I pitch finali verranno presentati il 19 novembre nuovamente presso l’aula Clab.(Via Verdi 8)
Per informazioni visita il sito.

Per ulteriori chiarimenti scrivi a: clabtorino@gmail.com
O contattaci al: 0116702028-2029-2063


Ma cos’è il “C.Lab – Torino” – Contamination Lab?
C.Lab è il primo Contamination Lab Interateneo Italiano


Uno spazio dedicato a studenti e dottorandi del Politecnico e dell’Università di Torino per sperimentare nuovi modelli di apprendimento e sviluppare progetti innovativi.  C.Lab TORINO – Contamination Lab Torino, promosso e finanziato dal MIUR: il primo e unico in Italia ad essere frutto della collaborazione di due Atenei.

Un luogo di incontro tra studenti universitari e dottorandi di discipline diverse, in cui la contaminazione e l’incrocio di conoscenze e punti di vista diversi permette di sperimentare nuovi modelli di apprendimento e di sviluppare progetti di innovazione a vocazione imprenditoriale e sociale, in stretto raccordo con il territorio. È questa l’idea che si ispira i Contamination Lab, spazi realizzati all’interno delle università per offrire agli studenti “un ambiente stimolante per lo sviluppo di progetti di innovazione a vocazione imprenditoriale”, come spiegano le linee guida del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca che promuove questa iniziativa.

C.Lab TORINO offrirà a studenti di Università e Politecnico un ambiente informale e creativo dove seguire un percorso formativo extracurriculare innovativo, per creare nuove competenze e proporre soluzioni innovative alle sfide emergenti dal territorio e dai mercati.

C.Lab TORINO è progettato per realizzare soluzioni alle sfide che la società, le imprese e gli enti lanceranno ai 100.000 studenti della “Torino Città Universitaria”. Attraverso la contaminazione tra le diverse competenze, gli studenti e i dottorandi destinatari del progetto acquisiranno strumenti utili per affrontare il mercato del lavoro in un’ottica imprenditoriale, realizzando soluzioni innovative, con la possibilità di avviare nuove start-up.

Dal punto di vista formativo, il C.Lab TORINO propone Laboratori attivati da “sfide” tematiche basate su tre principali linee di azione: proposte di studenti e dottorandi, in una logica bottom-up; proposte degli Atenei, orientate a temi rilevanti per lo sviluppo dei territori; proposte di imprese, enti pubblici e privati, per affrontare temi di particolare criticità.

Il progetto C.Lab TORINO rientra nella prospettiva dell’Enterpreneurship Education, con l’obiettivo di creare valore sociale e promuovere la cultura imprenditoriale, l’innovazione e la sostenibilità.

Il C.Lab TORINO intende apportare un importante contributo allo sviluppo della città e del territorio, potenziando l’azione degli Atenei torinesi a favore dei cittadini e della realtà locale.

Le premesse di questa collaborazione tra i due Atenei sono l’incentivo ad avviare efficaci relazioni tra i principali attori del territorio, per la condivisione di conoscenze e competenze finalizzate a raggiungere una maggiore competitività sul mercato nazionale ed internazionale.

Con un finanziamento complessivo di circa 900.000 euro (di cui 300.000 euro – pari all’intero importo richiesto- ottenuti dal MIUR, e quasi 600.000 cofinanziati da Politecnico e Università), C.Lab TORINO si colloca tra i 16 progetti vincitori selezionati fra 68 candidature provenienti dagli Atenei di tutta Italia. 

SAMANTHA CRISTOFORETTI - DIARIO DI UN'APPRENDISTA ASTRONAUTA
L’astronauta Samantha Cristoforetti, protagonista della missione Futura dell’Agenzia spaziale italiana, in occasione dell’uscita del suo nuovo libro “Diario di un’apprendista astronauta”, presenterà la sua esperienza professionale e umana, il lungo percorso che l’ha portata fino alla Stazione Spaziale Internazionale.
L’autrice devolve interamente i propri proventi a UNICEF Italia.

Dove e quando:
Politecnico di Torino
Aula Magna, C.so Duca degli Abruzzi, 24 – Torino
Sabato 27 ottobre 2018  – ore 17.00

 

“Quando i motori del razzo si sono accesi, si è realizzato il grande sogno della mia vita”. Per quasi sette mesi, Samantha Cristoforetti è stata in orbita attorno alla Terra sulla Stazione Spaziale Internazionale. Nel suo libro “Diario di un’apprendista astronauta” racconta l’intensa vita di bordo con gli occhi meravigliati di chi diviene, giorno dopo giorno, un essere umano spaziale: dalla scienza alla riparazione della toilette, dall’arrivo di astronavi cargo alle passeggiate nello spazio dei colleghi, dagli allarmi alla routine, dai grandi avvenimenti alle piccole scoperte, dai rituali al taglio dei capelli. Ma il viaggio per arrivare fin lassù è stato lungo. Anni di dedizione assoluta nati dal suo sogno di bambina, anni passati con le valigie in mano fra tre continenti, tra circostanze fortuite e altre ostinatamente cercate, tra incontri, lingue e culture, natura e tecnologia, fatiche e attese, gioie e delusioni: tutto per imparare a essere un’astronauta. Samantha Cristoforetti racconterà la storia della lunga strada che l’ha portata alla rampa di lancio e dei giorni trascorsi a bordo delle Stazione Spaziale.

Samantha Cristoforetti, nata a Milano nel 1977 e cresciuta a Malé (TN), ha conseguito una laurea magistrale in Ingegneria meccanica con indirizzo aerospaziale all’Università Tecnica di Monaco di Baviera, dopo un periodo di studio Erasmus a Tolosa e un anno di ricerca per la tesi a Mosca. Dal 2001 ha frequentato l’Accademia Aeronautica, conseguendo una laurea di primo livello in Scienze aeronautiche. Ha ottenuto il Brevetto di Pilota Militare negli Stati Uniti ed è poi stata assegnata al 51° Stormo di Istrana su velivolo AM-X. È un ufficiale dell’Aeronautica Militare con il grado di Capitano. Nel 2009 è entrata a far parte del Corpo Astronauti dell’Agenzia Spaziale Europea e nel 2012 è stata assegnata alla Spedizione 42/43 sulla Stazione Spaziale Internazionale, una missione di lunga durata a disposizione dell’Agenzia Spaziale Italiana. Il lancio con il veicolo spaziale Soyuz è avvenuto il 23 novembre 2014 dal cosmodromo di Baikonur, in Kazakistan. Samantha ha trascorso 200 giorni nello spazio, condividendo la sua esperienza attraverso il suo Diario di bordo e su Twitter come @Astrosamantha.

 L’incontro è organizzato da Politecnico di Torino e Unione Industriale di Torino, in collaborazione con ASI, ESA e con la casa editrice La nave di Teseo. Modera Michele Bellone, giornalista scientifico.

 

I posti riservati in Aula Magna sono esauriti, ma sarà possibile seguire l’evento in collegamento dalle aule attigue (Aule 3 e 5) e in streaming su Facebook.

Per questioni organizzative, l’accredito è obbligatorio entro le ore 12.00 del 26 ottobre prossimo all’indirizzo: relazioni.media@polito.it

Invito all’iniziativa 

 

Test di ammissione per l’a.a. 2019/20 in Cile, Brasile e Perù

Il Politecnico di Torino ha avviato il programma “TOPoliTO: attracting international Top students at the Politecnico di Torino” finalizzato al reclutamento di studenti internazionali di qualità per l’inserimento in corsi di studio di primo e secondo livello. La presenza nell’Ateneo di una componente rilevante di studenti internazionali rappresenta un valore culturale per l’Ateneo e un’opportunità per il territorio e il suo sistema economico.

In un contesto europeo e mondiale sempre più competitivo anche sul piano dell’offerta formativa universitaria, il programma si propone di rafforzare la capacità di attrarre studenti internazionali di talento che possano accedere ai percorsi di laurea di primo e secondo livello dell’Ateneo e che beneficeranno della cultura e tradizione scientifica italiana.

Nell’ambito del programma, nel mese di ottobre e novembre avranno luogo i test di ammissione ai Corsi di Laurea di I livello dell’Area dell’Ingegneria (test in lingua inglese o italiana a scelta del candidato), in Design e Comunicazione Visiva (test in lingua italiana) e in Pianificazione territoriale, urbanistica e paesaggistico-ambientale (test in lingua italiana) valido per l’a.a. 2019/20 in Cile, Brasile e Perù.
In particolare, il 19 ottobre i test si svolgeranno a Santiago del Cile presso la Scuola Italiana “Vittorio Montiglio”, il 26 ottobre a Valparaiso presso la Scuola Italiana “Arturo dell’Oro”, il 27 ottobre a San Paolo del Brasile presso il “Colégio Dante Alighieri” e il 9 novembre a Lima presso la Scuola Italiana “Antonio Raimondi”.

Per iscriversi alla prova di ammissione, i candidati interessati devono registrarsi al sito di ateneo “Apply@POLITO” e seguire le indicazioni relative al corso di Laurea per il quale si vuole effettuare il test, selezionando la data e il luogo del test.
Inoltre, nell’ambito del progetto TOPoliTO, a breve verrà pubblicato il bando per le borse di studio riservate a candidati che sosterranno il TIL-I, TIL-D e TIL-P in Cile, Brasile e Perù.

Inoltre, nell’ambito del progetto TOPoliTO, a breve verrà pubblicato il bando per le borse di studio riservate a candidati che sosterranno il TIL-I, TIL-D e TIL-P in Cile, Brasile e Perù.

Per tutti i dettagli consultare il link

Pagine web dedicate agli studenti internazionali e con titolo estero

Offerta formativa 

Per ulteriori informazioni rivolgersi a: international.admission@polito.it

Olivetti Design Contest

Si chiama Olivetti Design Contest, la competizione di design industriale promossa da Olivetti, il noto gruppo eporediese protagonista di una secolare storia di ricerca e innovazione e ancora oggi attivo nel settore ICT. Il concorso, giunto quest’anno alla sua terza edizione è rivolto agli studenti di alcuni fra i più prestigiosi istituti italiani e internazionali, tra i torinesi si contano lo IAAD – Istituto d’Arte Applicata e Design e il DAD, il Dipartimento di Architettura e Design del Politecnico di Torino.

Il contest premierà i progetti che presenteranno un contributo originale alla realizzazione di una smart chair e/o di una stampante fiscale. La giuria esaminerà i progetti valutando gli elementi concettuali dell’opera, la qualità della realizzazione e la possibilità di sviluppo in termini commerciali, tenendo naturalmente conto del sistema di valori Olivetti: orientamento al cliente, innovazione, esperienza, eccellenza e proattività.

Tre saranno i progetti vincitori, ai quali, per ognuno dei due temi previsti dal bando sarà conferito un premio di € 2.000,00 (primo classificato), di € 1.500,00 (secondo classificato) e di € 1.000,00 (terzo classificato).

La partecipazione al contest è gratuita, ed è possibile partecipare per il design dei singoli temi o per entrambi. Tutti i partecipanti dovranno risultare iscritti come studenti alle Università e Accademie al momento del primo invio dei materiali e indicate nel punto 2 del presente regolamento.

Qualora il progetto fosse frutto della collaborazione di più studenti, tutto il team parteciperà al contest.

Gli elaborati digitali dovranno essere trasferiti via email, a cura degli Istituti, all’indirizzo
info@olivettidesigncontest.com

Scarica qui il bando per tutti i dettagli.

Io Lavoro 2018

Un momento di incontro tra domanda e offerta di lavoro: il 24 e 25 ottobre 2018, ritorna a Lingotto Fiere di Torino il salone IOLAVORO, nella sua 22esima edizione. Noi di StudyinTorino saremo presenti e disponibili a darvi info utili sull’orientamento universitario.

Ma cos’è IOLAVORO?
IOLAVORO è la manifestazione che mette in contatto diretto le aziende che ricercano personale con le persone in cerca di lavoro.

IOLAVORO rappresenta un importante momento di incontro tra domanda e offerta di lavoro, un’occasione per giovani e meno giovani di avere accesso contemporaneamente e nello stesso luogo a diversi servizi e opportunità legate al mondo del lavoro, dall’accoglienza all’orientamento, fino al contatto diretto con l’impresa che può trasformarsi in un vero e proprio rapporto di lavoro.

IOLAVORO è nata per favorire l’incontro tra chi offre lavoro e chi è alla ricerca di un impiego. La manifestazione è promossa dalla Regione Piemonte, la Provincia di Torino e la Città di Torino, con il coordinamento organizzativo dell’ Agenzia Piemonte Lavoro (APL), in collaborazione con i Centri per l’Impiego della Provincia di Torino e della Regione Valle d’Aosta, l’Agenzia Liguria Lavoro, i Servizi per l’Impiego francesi Pôle Emploi della Regione Rhône-Alpes, la rete Eures (Servizi Europei per l’Impiego) e l’Inps.

Qui la locandina dell’evento.

Organizzazione Agenzia Piemonte Lavoro – Ente Strumentale della Regione Piemonte Via Avogadro, 30 10121 Torino (Italy)
 info@iolavoro.org
 www.iolavoro.org

123488Next