Posts by Michele Covolan

Riparte l’anno accademico per l’Istituto Universitario Salesiano Torino Rebaudengo. Da sempre l’ateneo promuove e gestisce, oltre ai corsi accademici, attività di formazione e di orientamento organizzando eventi e appuntamenti tematici. Per non perderti alcun aggiornamento visita la sezione News e Eventi del sito IUSTO.

Ecco i prossimi eventi in programma.


Cyberbullismo, ragazzi al centro

Quando: sabato 22 settembre, dalle 9 alle 13.
Dove: Istituto Universitario Salesiano Torino Rebaudengo – IUSTO. Piazza Conti di Rebaudengo, 22 Torino.
Evento formativo gratuito

Condotte da tenere, rischi da evitare, nuove opportunità per i ragazzi. Un evento organizzato in sinergia con l’Associazione Centro Studi di informatica Giuridica di Ivrea Torino (Csig Ivrea Torino) rivolto a docenti, dirigenti scolastici, avvocati, genitori e studenti universitari. Aperto alla cittadinanza. Tra i relatori, Elena Ferrara, già Senatrice, prima firmataria della legge «a tutela dei minori per la prevenzione e il contrasto del fenomeno del cyberbullismo»
L’evento formativo è stato accreditato dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Torino ai fini della formazione professionale continua, verranno accreditati 2 crediti.
Ingresso gratuito, previa conferma partecipazione on line. Troverai ulteriori specifiche e il programma dettagliato dell’evento qui.

Locandina Cyberbullismo, ragazzi al centro.
Segui l’evento su Facebook.


Per una trasformAzione Sociale, partecipa al corso di politica

Quando: il corso inizia con il convegno il 5 ottobre, dalle 9 alle 13, “Orientare ed educare i giovani alla politica”. Proseguirà poi per tre/quattro giovedì al mese sino a dicembre, dalle 16 alle 18.
Dove: Istituto Universitario Salesiano Torino Rebaudengo – IUSTO. Piazza Conti di Rebaudengo, 22 Torino.
Il convegno del 5 ottobre, “Orientare ed educare i giovani alla politica” sarà gratuito e aperto a tutti.
I successivi incontri avranno un costo di € 60 per tutte le dieci lezioni, € 50,00 per Studenti IUSTO, Studenti Universitari ed Ex studenti IUSTO, oppure € 10,00 per singola lezione.

Nell’ambito delle molteplici attività, IUSTO ritiene necessario offrire ai propri studenti, anche estendendo l’iniziativa ai giovani della città, uno spazio per la comprensione delle forme della politica.
Infatti non è raro constatare come la formazione politica delle ultime generazioni non soltanto veda il disimpegno di moltissimi, ma constati l’emergere di un generale distacco dall’impegno politico nella città e per la città. Da qui è sorta la proposta di indire una decina di incontri aperti agli studenti universitari, a partire da ottobre fino a dicembre 2018 della durata di due ore ciascuno, su alcuni concetti chiave della politica, quali: rivoluzione, conservazione, reazione, risorgimento; libertà; autorità e potere; Stato; religione e religione civile; ideologie e realtà; scienza e politica al di là di una visione positivistica; masse e classi dirigenti; Europa e nazioni; cambiamento e progresso; informazione e manipolazione. Insomma, un vero e proprio corso sui fondamenti della politica.

Tutti gli ingressi necessitano la conferma partecipazione on line. Troverai ulteriori specifiche e il programma dettagliato con le date delle lezioni qui.
Locandina Corso di formazione politica – Per una trasformAzione Sociale.
Segui l’evento su Facebook.

Locandina Orientare ed educare i giovani al lavoro e alla politica.
Segui l’evento su Facebook.

 

Il Gruppo Mobilità di UniToGO,  nell’ambito della Settimana europea per la mobilità sostenibile, è lieto di invitare, il 20 settembre 2018 presso il Campus Luigi Einaudi, alla giornata Università è mobilità sostenibile

Tutti coloro che al mattino si recheranno al Campus Einaudi in bicicletta potranno partecipare all’edizione 2018 del Bike to work – Giretto d’Italia, organizzato con Legambiente e CNH Industrial, iniziativa nazionale che promuove l’utilizzo della bicicletta. Partecipare è semplice: basta recarsi al Campus Einaudi in bici, fermarsi al check point al parcheggio bici (D4) e scattare una foto che in sella alla bicicletta con la cornice speciale del Giretto e condividere la foto sul proprio profilo Facebook, Instagram o Twitter utilizzando l’hashtag #Giretto2018. In palio con estrazione una bellissima bici pieghevole elettrica New Holland!

Per tutta la giornata la Main Hall del Campus ospiterà la mostra fotografica Passeggiando in Bicicletta di Cosimo Cardea.

Nel pomeriggio, dalle 14.30, si terrà un seminario in cui saranno illustrate sia le azioni di UniTo a favore della mobilità sostenibile negli ambiti dei servizi, della ricerca e della didattica sia le attività del gruppo mobilità delle Rete delle Università per lo Sviluppo sostenibile e sarà approfondita la nuova legge quadro sulla mobilità ciclabile di recente approvazione.

La giornata si concluderà con la pedalata universitaria Unibike, organizzata in collaborazione con le associazioni Greento, EcoPoli Green Team Students, Bike Pride-Fiab e il CUS Torino. La partenza è prevista alle 17.30 dal parcheggio biciclette (D4) e il percorso si snoderà nel centro cittadino per raggiungere il Politecnico di Torino.

Programma della giornata

08.00/10.00 – Bike to work Giretto d’Italia

check point al parcheggio bici (D4)
con Legambiente e CNH Industrial

14.30/16.30 – Seminario (aula F3)

Università e mobilità sostenibile: servizi, didattica, ricerca, reti e
la legge quadro sulla mobilità ciclistica tra istituzioni e associazioni

17.30/19.00 – Unibike pedalata universitaria

partenza parcheggio bici (D4)
con Greento, EcoPoli Green Team Students, Cus Torino, Bike Pride Fiab Torino

politecnico di torino
Medaglia di bronzo al Politecnico di Torino

Si conferma al 94% la percentuale di occupati a un anno dal conseguimento della laurea dell’Ateneo torinese, a stabilirlo è la nuova classifica internazionale Graduate Employability Rankings 2019, proposta dal prestigioso istituto britannico QS. L’Ateneo torinese conferma la sua collocazione sul podio mondiale delle università che garantiscono prospettive occupazionali ai propri laureati.

La capacità di garantire ai propri laureati una collocazione diretta nel mondo del lavoro è da sempre uno dei plus offerti dal Politecnico di Torino. Ieri, 11 settembre 2018, il ranking internazionale ha quindi premiato il Politecnico con la medaglia di bronzo, collocandolo al 3° posto al mondo (a poca distanza da Moscow State Institute of International Relations (MGIMO University) e Politecnico di Milano) per l’indicatore Graduate Employment Rate, uno dei cinque valutati dal ranking sull’occupabilità dei laureati, che quest’anno ha analizzato 500 università in tutto il mondo.

I criteri utilizzati sono la reputazione delle università presso i datori di lavoro, le partnership realizzate con le imprese, il successo dei laureati nelle proprie carriere, la presenza delle aziende nel campus e il tasso di occupazione dei laureati a un anno dal titolo. È proprio in quest’ultimo indicatore, calcolato come rapporto tra la percentuale di occupazione dei laureati dell’Ateneo e la media delle università italiane esaminate, che il Politecnico di Torino ha ottenuto il terzo miglior risultato al mondo.

Molto buone le prestazioni del Politecnico anche su un altro indicatore, rispetto al quale l’Ateneo si colloca al 2° posto in Italia: l’Employer reputation, che valuta la reputazione dell’Università presso i datori di lavoro. Complessivamente, tenendo conto dei cinque indicatori utilizzati e del peso loro attribuito dal ranking,  l’Ateneo si colloca anche quest’anno tra la 121 e la 130 posizione e rientra pertanto nel primo quartile  delle migliori Università al mondo.

“Questi risultati, invariati nella percentuale di occupati rispetto a quelli dello scorso anno, testimoniano come la formazione dei nostri laureati continua ad essere apprezzata dal mercato del lavoro. La terza posizione al mondo premia le nostre politiche, che risultano vincenti nonostante la scelta del Politecnico di Torino mettersi al servizio del Paese accogliendo moltissimi giovani e contenendo il livello delle tasse. L’Italia, infatti – ce l’ha appena ricordato anche l’OCSE – ha un’enorme bisogno di laureati se vuole rimanere un paese avanzato. Con le azioni già previste sulle lauree professionalizzanti e proponendo una didattica sempre più incentrata sullo studente e arricchita dall’apporto di imprenditori e professionisti contiamo di migliorare ancora questo risultato già così prestigioso”,  dichiara il Rettore Guido Saracco.

Porte Aperte Alliance Française

Sabato 15 settembre 2018, Torino parlerà francese! All’Alliance Française di Torino è prevista una giornata di Porte Aperte: un’immersione francofona per scoprire le attività dell’Alliance, dai corsi di insegnamento e certificazioni di lingua francese per adulti, bambini e ragazzi agli appuntamenti culturali proposti in collaborazione con diversi enti, dalle grandi istituzioni alle piccole associazioni. La Giornata Porte Aperte, che si terrà dalle 9 alle 19 nella sede di Via Saluzzo 60, prevede un ricco programma di attività ad accesso gratuito dedicate ad un pubblico di tutte le età. Nell’arco della stessa giornata aprirà anche al pubblico la mostra Asterix et La Transitalique, che racconta la nascita e la realizzazione dell’ultimo album a fumetti della serie creata da lbert Uderzo e René Goscinny, dedicato proprio a un viaggio in Italia.

Programma Giornata Porte Aperte

9.00 – 17.00:  Incontro con responsabili pedagogici per test di livello di lingua francese gratuiti, consigli personalizzati e orientamento sulla vasta gamma di corsi e atelier di francese per adulti, bambini e ragazzi e iscrizioni con promozione Riciclo&Risparmio

10.00 – 12.00:  Workshop aperto a tutte le età a cura dell’illustratrice Cecilia Campironi:  A chaque pied sa chaussure / tu che scarpa sei? ispirato all’omonimo libro pubblicato per Editions Cambourakis: un divertente gioco d’identità in cui ogni partecipante potrà raccontare se stesso attraverso l’invenzione di un paio di scarpe, un’occasione ludica per avvicinare bambini e adulti alla lingua francese attraverso la creatività.

10.30 – 11.30 e 15.30 – 16.30:  Lezioni di prova di francese aperte e gratuite, livello principianti. Per i primi 20 iscritti al livello A1.1 il libro di testo è in regalo.

17.00: Presentazione del programma della attività culturali e collaborazioni per il prossimo autunno, tra arte, teatro, letteratura, urbanistica e sostenibilità con l’intervento di:

  • Franca Bruera, Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Torino, per la presentazione degli appuntamenti organizzati in occasione del centenario della scomparsa di Guillaume Apollinaire: un convegno internazionale, una mostra alla GAM, uno spettacolo al Teatro Gobetti / Teatro Stabile di Torino;
  • Valter Malosti, direttore TPE – Teatro Piemonte Europa, per la presentazione delle attività della Stagione TPE 18.19 al Teatro Astra e in particolare gli spettacoli di area francofona e le iniziative ad essi collegate, nate dalla collaborazione con Alliance Française di Torino;
  • Benoît Monginot, Institut Français Italia, per la presentazione degli eventi legati al progetto La natura in città, declinazione torinese a cura di Urban Center Metropolitano del ciclo Priorité climat: il faut cultiver notre jardin promosso da IF Italia nel 2018: incontri con paesaggisti e urbanisti francesi e approfondimenti filosofici per indagare il rapporto fra natura e città;
  • Marco Ferrero, FuoriLuogo Asti, per la presentazione degli appuntamenti con autori francofoni in calendario, delle attività in programma in collaborazione con Alliance Française di Torino.
A cent’anni dalla scomparsa di Apollinaire

Il 9 novembre 1918 scompariva il grande poeta, drammaturgo e scrittore francese Apollinaire. L’Alliance, insieme con il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Torino, il “Centre for Modern European Literature” dell’Università del Kent – Regno Unito e il  Dipartimento di “Lettres modernes” dell’Università di Paris 10-Nanterre, organizza alcune iniziative volte a illustrare le esperienze delle prime avanguardie storiche a Parigi durante gli anni della prima guerra mondiale.

L’evento si articolerà in tre momenti:

  • un Convegno Internazionale presso il Rettorato dell’Università degli Studi di Torino dal titolo Métamorphoses d’Apollinaire – Metamorfosi di Apollinaire. Il rendez-vous accademico, che avrà luogo lunedì 22 e martedì 23 ottobre 2018 presso la Sala Sala Principe d’Acaja del Rettorato, ha l’obiettivo di analizzare e confrontare i modi in cui l’opera apollinairiana è stata recepita nel corso degli anni in cui visse il poeta e nei decenni successivi sino ad oggi. In che modo la pseudonomia, i volti e le maschere indossate dal poeta hanno favorito una ricezione fatta di evoluzioni, continuità, rotture, metamorfosi e trasformazioni? Questi interrogativi animeranno il convegno Métamorphoses d’Apollinaire – Metamorfosi di Apollinaire, che coinvolgerà studiosi provenienti da centri di ricerca nazionali e internazionali. Referente dell’ evento è la professoressa Franca Bruera del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Torino.
  • un’ Esposizione alla GAM dal titolo Apollinaire e le avanguardie europee, allestita nella Wunderkammer della Galleria d’Arte Moderna di Torino e visitabile a partire dalle 16.30 di lunedi 22 ottobre 2018.
  • uno Spettacolo Teatrale presso il Teatro Gobetti /Teatro Stabile di Torino. La pièce, Les Mamelles de Tirésias dell’Apollinaire drammaturgo, sarà rappresentato lunedì 22 ottobre, alle 19.30, presso il Teatro Gobetti di via Rossini 8. Lo spettacolo è in lingua francese e sottotitolato in italiano.

 

Il Master in Management della Business School ESCP Europe
scala la classifica del ranking del Financial Times confermandosi 1° in Italia

 

Al quinto posto nella classifica globale, il programma emerge per l’internazionalità dell’esperienza di studio, i tempi rapidi di inserimento nel mondo del lavoro, parità di genere e obiettivi raggiunti in termini di occupazione e salario medio.

 

Il Master in Management della Business School internazionale ESCP Europe si conferma anche nel 2018, il miglior programma di studi in Italia, al 5° posto a livello globale, secondo la classifica stilata annualmente dal Financial Times, che prende in esame la formazione manageriale pre-esperienza lavorativa. Visualizza qui la classifica completa.

Con i suoi sei Campus di Berlino, Londra, Madrid, Parigi, Torino e Varsavia, la Scuola consolida la sua posizione ai vertici del ranking che costituisce il parametro di riferimento internazionale per la scelta all’iscrizione ai Master delle 100 più importanti business school europee, asiatiche e australiane, classificate secondo 23 criteri, divisi in quattro macroaree.

Il MIM di ESCP Europe emerge per l’internazionalità dell’esperienza di studio, i tempi rapidi di inserimento nel mondo del lavoro, parità di genere e obiettivi raggiunti in termini di occupazione e salario medio, pari a 69.865 euro (81.282 dollari), posizionandosi davanti all’Università Bocconi (2° posto in Italia, 6° al mondo), alla LUISS Guido Carli (3° posto in Italia, 89° al mondo) e alla School of Management del Politecnico di Milano (4° posto in Italia, 95° al mondo). Il 98% degli studenti che hanno frequentato il Master trovano impiego ad appena tre mesi dalla laurea. Giunta alla sua 14a edizione, la classifica misura la multiculturalità della scuola e del programma, la qualità del corpo docente, la retribuzione degli ex-allievi e lo sviluppo di carriera, a tre anni dal conseguimento del diploma di Master.

Il MIM di ESCP Europe è inoltre tra i migliori al mondo per la categoria “International course Experience”, la componente di esposizione internazionale del Master, data da: la composizione studentesca (internazionale per l’86%) e del corpo docenti (78%), la struttura del percorso di studio, il range di opportunità lavorative post programma dove è in grado di veicolare i propri studenti.

“La mission di ESCP Europe è quella di ispirare ed educare i leader di domani e i risultati del ranking provano che stiamo compiendo quanto ci siamo prefissati; anno dopo anno scaliamo con il MIM la classifica del Financial Times, confermandoci primi a livello italiano per programmi di Laurea internazionale – afferma il Prof. Francesco Rattalino Direttore di ESCP Europe Torino Campus –. Uno dei nostri punti di forza è l’internazionalità: del corpo docente, degli studenti, ma anche e soprattutto del nostro network di aziende dove questi ultimi vanno ad inserirsi”.

L’aver studiato all’estero è sicuramente uno dei motivi che stanno alla base del successo dei laureati ESCP Europe nel mondo del lavoro e della loro soddisfazione nel programma.

“Questo ranking evidenzia quanto uno dei valori cardine dell’ESCP Europe sia la “Diversity”, tanto culturale che di genere – dichiara il Prof. Francesco Profumo Presidente di ESCP Europe Torino Campus –. Nella società attuale troppe poche donne ricoprono ruoli di leadership e uno dei nostri obiettivi è proprio quello di formare donne manager che andranno a colmare il gender gap. Nel Master in Management abbiamo addirittura registrato un sorpasso. Infatti, degli 892 studenti del Master ben il 52% sono donne. Questo è un importante segnale di cambiamento che porterà effetti assolutamente positivi nel mondo del business in un futuro ormai molto prossimo”.

“Siamo felici di questa posizione: riflette il nostro impegno nel formare i futuri manager internazionali – aggiunge il Prof. Frank Bournois, Dean di ESCP Europe –. Il tempismo non potrebbe essere migliore per celebrare il nostro 200° anniversario. Infatti, da gennaio 2019 in tutti i campus ESCP Europe si terranno numerosi eventi che coinvolgeranno la vasta comunità internazionale della scuola”.

“ESCP Europe continua a classificarsi nelle prime posizioni grazie a criteri di valutazione del ranking che sono vitali nella nostra strategia globaleconclude il Prof. Léon Laulusa, Dean for Academic and International Affairs di ESCP Europe . Questo riconoscimento internazionale rafforza la politica di sviluppo progettata dalla scuola per formare una nuova generazione di leader internazionali attraverso una combinazione di pedagogia innovativa, programmi di studio cross-campus e un corpo docenti estremamente attivo nella ricerca”.

 

Il programma di studio del Master

Dopo una rigida selezione sul modello delle Grandes Ecoles, gli studenti al 2° anno di facoltà economiche e tutti i laureati di primo livello di qualsiasi facoltà che vogliano intraprendere una carriera internazionale in ambito manageriale sono ammessi a questo percorso di Laurea Magistrale internazionale, che conferisce fino a quattro titoli di laurea specialistica economica europea. Gli allievi del MIM completano il percorso universitario all’interno di ESCP Europe in 2 o 3 anni, a scelta in due o più Paesi, nei sei campus della Business School, in base alle loro conoscenze linguistiche e agli sbocchi lavorativi a cui ambiscono.

Una formazione di alto livello e classi multiculturali, che accolgono giovani da tutto il mondo, in particolare da Italia, Francia, Germania, Spagna e poi Australia, Cina, Lussemburgo, Marocco, Svizzera e USA, con background di studi variegati.

Nell’Anno Accademico 2018-2019 gli studenti del MIM in classe a Torino saranno 155. Di questi, il 54% proviene da facoltà di Economia, il 32% da Ingegneria, il 4% da Pre Master Year svolto presso ESCP Europe Paris Campus, il 2% da Scienze Politiche, 1% da Matematica, 1% da Lingue e Letteratura straniera, 1% da Relazioni Pubbliche, 1% da Filosofia, 1% da Storia, 1% da Gestione dei Beni Culturali, 1% da Management di Arte e Spettacolo, 1% da Ecole Superiore Electricité.

Il ranking FT prende in esame la classe MIM partita nell’anno accademico 2012-2013, e terminato nel 2015, includendo nella statistica le valutazioni pervenute dai laureati italiani che hanno iniziato il loro percorso a Torino. I dati della classe evidenziano che le possibilità di inserimento in ambito lavorativo sono state delle più promettenti, con picchi di interesse nell’ambito della finanza e della consulenza (insieme il 48% del totale), e le tempistiche brevissime. A fronte di un tasso del 100% di collocamento in azienda in ruoli di stage, il 98% ha trovato un impiego stabile entro tre mesi dalla conclusione del corso.

 

Dati Career Office dei settori lavorativi di impiego relativi alla classe del Master

 

TESTIMONIAL MIM – ESCP Europe

 

Umberto Massucco

Investment banking associate – Rothschild & Co, Londra

“Lavoro da 3 anni nel team di M&A presso banche d’investimento, mi occupo di operazioni di finanza straordinaria come fusioni e acquisizioni aziendali, quotazioni in borsa e altro tipo di finanziamenti. L’ESCP Europe mi ha dato tutti gli strumenti necessari per iniziare la mia carriera in modo estremamente pragmatico: è un ottimo ponte tra i banchi di scuola e la scrivania di un ufficio. Le aziende apprezzano il dinamismo e la capacità di adattamento degli studenti ESCP Europe e la loro continua ricerca di sfide e volontà di eccellere.”

 

Simone Santagiuliana

Equity analyst – Tikehau Investment Management, Parigi

“Non penso oggi siano molti in Italia a uscire dall’università con almeno 3 tirocini alle spalle e capaci di parlare 3 lingue diverse. Questo è sicuramente un biglietto da visita importante per uno studente che cerca lavoro per la prima volta. Per il tipo di lavoro che faccio e per lo stile di vita ben equilibrato tra cultura mediterranea e atmosfera internazionale ho scelto Parigi. Mi sono appassionato di investimenti e di mercati, qui ci sono molti fondi di piccole e medie dimensioni pieni di persone capaci e molto brillanti, un bell’ambiente dove imparare il mestiere e crescere”.

 

Giulia Laugero

Regional sales manager – Shildan Group, New York
“ESCP Europe si differenzia per il suo contesto altamente internazionale che permette di apprendere materie accademiche in maniera molto dinamica ed interattiva. Già durante il Master ho avuto la possibilità di ricevere differenti opportunità lavorative in ambito marketing ed in seguito più mirate ad un contesto sales”.

 

Annabel Morgan

Columbia Business School candidate, sponsorizzata da McKinsey dove ha lavorato per due anni, come Associate, a Londra

“L’opportunita’ di vivere in 3 paesi diversi, e svolgere nel frattempo esperienze lavorative era entusiasmante e mi avrebbe permesso di sviluppare solide competenze manageriali in un contesto internazionale. Oggi sono una consulente manageriale e il mio ruolo e quello di aiutare i miei clienti a risolvere problemi complessi di alto livello: come incrementare la profittabilità dell’azienda, come riorganizzala in maniera ottimale, come affermarsi in un nuovo mercato”.

 

ESCP Europe… un po’ di storia

Nata a Parigi nel 1819 come prima Business School del mondo, ESCP Europe è fra le più rinomate a livello internazionale e sempre ai primi posti nei ranking delle Business School. Con sei sedi in Europa – a Berlino, Londra, Madrid, Parigi, Torino e Varsavia – prepara ad una carriera internazionale nel management. A livello aggregato europeo, accoglie ogni anno circa 4.600 studenti e 5.000 manager, provenienti da 100 diversi Paesi, per un portfolio completo di programmi in General management e Master specialistici. La rete degli ex allievi annovera 50.000 membri di 200 diverse nazionalità ed è attiva in 150 Paesi. Dal 2004 è presente a Torino, grazie al supporto della Chambre de Commerce et d’Industrie de Paris, della Camera di Commercio di Torino, l’Università degli Studi di Torino, del Politecnico di Torino e di numerose aziende partner. L’offerta formativa – accreditata EQUIS, AACSB ed AMBA – comprende: programma di Laurea internazionale (Bachelor), Master pre-esperienza lavorativa, MBA in International Management, Master specialistici, programmi Executive per le aziende ed Executive MBA.

 

Questa settimana riparte ufficialmente l’anno accademico 2018/2019 per ESCP Europe Business School.

Venerdì 14 settembre, il Campus ESCP Europe di Torino celebrerà l’apertura del nuovo anno accademico, il 15° in Italia.

L’appuntamento è alle ore 16.00 presso l’Aula Jona della Scuola di Management ed Economia, C.so Unione Sovietica 218bis – Torino.
Nell’accogliere i nuovi studenti, il presidente del campus italiano Francesco Profumo e il direttore Francesco Rattalino presenteranno i corsi e i professori dei nostri programmi internazionali:


– ESCP Europe: Bachelor in Management
– BSc – ESCP Europe: Master in Management
– ESCP Europe: Master in International Food & Beverage Management
– ESCP Europe MBA in International Management


La forte relazione tra ESCP Europe e la business community è consolidata dalla partecipazione di importanti personalità del mondo economico che fungono da sponsor ai nostri studenti Master. Tra questi 
Jérome Salemi, General Manager per East Mediterranean Air France-KLM e patrono del Bachelor in ManagementCarlo Ghirardo, Presidente di Motion Technologies – ITT, patrono degli studenti di ESCP Europe MBA in International Management, e Cristina Nonino, Chief Executive Officer di Nonino distillatori e patrono di ESCP Europe: Master In International Food & Beverage Management.

Dopo la cerimonia di apertura tutti gli ospiti sono invitati a festeggiare insieme: il cocktail di benvenuto si terrà presso il Bamboo Club Torino, in Corso Moncalieri 145 – Torino.

Segui l’evento su Facebook.


Da quest’anno il Miur ha riconosciuto la Business School come Università Straniera in Italia.

In occasione dell’inaugurazione del nuovo anno accademico a Torino, ESCP Europe è lieta di celebrare il riconoscimento come “Università straniera in Italia” ottenuta dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – MIUR.

L’incontro con la stampa si terrà venerdì 14 settembre 2018, alle ore 11.00, presso l’aula Londra del Campus ESCP Europe di Torino in Corso Unione Sovietica, 218bis – Torino.

Con questo nuovo accreditamento, ESCP Europe – insieme all’Università degli Studi di Torino e al Politecnico di Torino – diventerà effettivamente il terzo centro universitario della città.

All’evento parteciperanno

• Francesco Profumo, Presidente – Campus ESCP Europe Torino
• Francesco Rattalino, Dean – ESCP Europe Torino Campus
• Léon Laulusa, Executive Vice-President, Dean per gli affari accademici e Relazioni Internazionali – ESCP Europe
• Cyrille ROGEAU, Console Generale di Francia a Milano
• Emanuele Chieli, Console honoraire di Torino
• Daniele Livon, direttore del Ministero dell’Istruzione dell’Università e della ricerca – MIUR

Qui la locandina dell’evento.

codice fiscale
Uno sportello per gli studenti stranieri

 

Sarà attivo da oggi, 3 settembre 2018, sino al prossimo 21 corrente mese, lo sportello temporaneo per il rilascio del codice fiscale agli studenti stranieri in arrivo per il nuovo anno accademico. Grazie all’accordo fra l’Ateneo e l’Agenzia delle Entrate, anche nel 2018 i nuovi iscritti provenienti dall’estero avranno l’opportunità di inserirsi più agevolmente nel Paese.

In questo modo, infatti, i cittadini stranieri che giungono nel capoluogo piemontese per ragioni di studio, docenza o ricerca potranno ottenere il codice fiscale direttamente nella sede di Corso Duca degli Abruzzi, presso il centro immatricolazioni del Politecnico di Torino, senza doversi recare in un ufficio dell’Agenzia delle Entrate. L’appuntamento si ripete per il secondo anno, dati i precedenti i risultati positivi: nel 2017, infatti, nelle 12 giornate di apertura dello sportello, 480 persone hanno usufruito del servizio.

L’attribuzione del codice fiscale rappresenta un passaggio indispensabile per la permanenza in Italia: non solo è il primo passo per iscriversi all’università, ma anche per altri aspetti pratici come il contratto d’affitto, l’acquisto di una Sim card telefonica e molto altro.

La postazione temporanea sarà attiva fino al 21 settembre 2018, dal lunedì al venerdì con orario 9.00-13.00.

 

Servizio Civile 2018: due progetti made in Unito

Il Servizio Civile, esperienza di volontariato e cittadinanza attiva, dedicata ai giovani tra i 18 e i 28 anni, rinnova la sua offerta con il Bando 2018, pubblicato sul sito del Dipartimento della Gioventù. Tra gli enti partner e le associazioni che accoglieranno i volontari a partire dall’inizio del 2019, vi è anche l’Università degli Studi di Torino che ha voluto formulare due progetti specifici:

Il bando del Servizio Civile Nazionale è accessibile a tutti i ragazzi che, alla data di presentazione della domanda, abbiano compiuto il diciottesimo e non superato il ventottesimo anno di età (28 anni e 364 giorni) e che:

  • siano cittadini/e italiani, cittadini/e degli altri Paesi dell’Unione Europea o cittadini/e non comunitari regolarmente soggiornanti
  • non abbiano riportato condanna anche non definitiva alla pena della reclusione superiore ad un anno per delitto non colposo ovvero ad una pena della reclusione anche di entità inferiore per un delitto contro la persona o concernente detenzione, uso, porto, trasporto, importazione o esportazione illecita di armi o materie esplodenti ovvero per delitti riguardanti l’appartenenza o il favoreggiamento a gruppi eversivi, terroristici, o di criminalità organizzata.

Per partecipare ai progetti Unito è richiesto il possesso del diploma di scuola superiore.

Informazioni

Un incontro formativo è previsto martedì 18 settembre 2018 (14.00 – 17.00) nell’aula B3 del Campus Luigi Einaudi. L’Ateneo e il TESC – Tavolo Enti di Servizio Civile – presenteranno i progetti degli enti del territorio piemontese e le modalità di candidatura. In questa occasione sarà possibile chiedere approfondimenti circa durata, impegno, rimborsi, formazione e compatibilità oraria.

Domande di partecipazione

Gli allegati componenti la domanda di partecipazione sono scaricabili qui alla voce Allegati (fondo pagina).

La presentazione può avvenire con più modalità:
  • tramite Posta Certificata (PEC)ateneo@pec.unito.it
  • per raccomandata a/r, indirizzata a: Università degli Studi di Torino – Servizio Civile – Via Verdi, 8 – 10124 Torino (per le raccomandate a/r farà fede il timbro postale)
  • consegna di persona presso la Stanza n. 407 – IV piano – Via Po, 31 _ Torino, nei seguenti orari:
    lun – mer – ven dalle 10.00 alle 12.00
    mar – gio dalle 13.30 alle 15.30
    venerdì 28 settembre 2018: dalle 9.00 alle 13 e dalle 14.00 alle 18.00.

Termini

La domanda di partecipazione, debitamente compilata, dovrà essere presentata entro venerdì 28 settembre 2018.

Ultime occasioni per conoscere l’offerta formativa e iscriversi ad uno dei corsi di laurea di IUSTO, l’Istituto Universitario Salesiano Torino Rebaudengo.
Partecipando ad uno degli Open day in programma potrai conoscere l’offerta formativa per l’Anno Accademico 2018-2019. Sarà un’opportunità di orientamento alla scelta universitaria e professionale.

L’Open Day prevede una parte introduttiva sull’offerta accademica IUSTO e il mondo universitario a cui fa seguito la presentazione dei singoli corsi di laurea. Porteranno la propria esperienza studenti e laureati. Al desk accoglienza potrai trovare lo staff dello sportello informativo disponibile per colloqui conoscitivi.

 

LAUREA TRIENNALE IN PSICOLOGIA
160 posti disponibili

Bando di ammissione 2018/2019

Per informazioni e selezioni, vai alla scheda dettagliata del corso triennale.

NOTA
Tale Corso di Laurea è l’unico ad essere proposto sia in formula settimanale (tradizionale, frequenza prevalentemente dal lunedì al sabato), con 80 posti disponibili, che in formula weekend (frequenza prevalentemente sabato e domenica), con altrettanti 80 posti disponibili, pensata per tutti coloro che, per motivi personali o professionali, sono impossibilitati a frequentare le lezioni nei giorni feriali della settimana.

 

DOMANDE DI AMMISSIONE on line entro il 3 settembre per la prova scritta del 5 settembre.

Dal 4 al 20 settembre per la prova scritta il 24 settembre (salvo posti disponibili).

 

Partecipa al prossimo OPEN DAYvenerdì 7 settembre ore 10.00 – 13.00.
Ingresso libero sino ad esaurimento posti, previa conferma partecipazione on line. Iscriviti all’open day qui.
La conferma partecipazione on line è obbligatoria, gli accompagnatori dovranno essere indicati nella sezione apposita del modulo.

L’appuntamento è alla sede IUSTO, in Piazza Conti di Rebaudengo, 22 a Torino.


LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE DELL’EDUCAZIONE – Educatore Professionale Socio Pedagogico
80 posti disponibili

Bando di ammissione 2018/2019

Per informazioni e selezioni, vai alla scheda dettagliata del corso triennale.

 

DOMANDE DI AMMISSIONE on line entro il 9 settembre per la prova scritta del 12 settembre.

Dal 10 al 23 settembre per la prova scritta il 27 settembre (salvo posti disponibili).

 

Partecipa a uno dei prossimi OPEN DAYsabato 8 settembre ore 10.00 – 13.00.
Ingresso libero sino ad esaurimento posti, previa conferma partecipazione on line. Iscriviti all’open day qui.
La conferma partecipazione on line è obbligatoria, gli accompagnatori dovranno essere indicati nella sezione apposita del modulo.

L’appuntamento è alla sede IUSTO, in Piazza Conti di Rebaudengo, 22 a Torino.


Per ulteriori informazioni contattare dal Lun al Ven 9.00 – 13.00 / 14.00 – 17.30 al 011 2340083

Com’è organizzato il cervello dal punto di vista della struttura gerarchica e quanto è complesso il suo funzionamento?
Qual è il nesso mente-cervello e come nascono i pensieri?
Le moderne neuroscienze propongono per rispondere a queste domande un approccio multi-scala, che parte dagli aspetti molecolari e termina con aspetti psicologici, psichiatrici e farmacologici.

La Summer School “Brain and Gut Neuroscience: From Molecules to Mood”, organizzata dal Research Institute for Quantitative and Quantum Dynamics of Living Organisms – Center for Medicine, Mathematics & Philosophy Studies insieme a Bromatech, Politecnico di Torino, Società Italiana di Biologia Sperimentale, intende presentare una visione integrata del cervello umano sia in termini di organizzazione strutturale gerarchica che di complessità funzionale.

Le ipotesi della neuroscienza cognitiva utilizzano le astrazioni teoriche della fisica del XIX secolo. Nello specifico, i modelli di rete neurale di “esperienza cosciente emergente” si basano su analogie con le relazioni tra molecole di cristalli, fluidi e gas e utilizzano ipotesi chimiche sull’emergenza di pensieri, stati d’animo e percezioni dalla modulazione chimica delle interazioni sinaptiche tra i neuroni. Tuttavia, la scienza del XX e XXI secolo offre prospettive probabilistiche da cui osservare il nesso mente-cervello. La meccanica quantistica e la teoria dei campi quantistici hanno dato ai fisici “gradi di libertà” in più. Derivazioni relativamente nuove della fisica quantistica sono poi la teoria dell’informazione quantistica, la crittografia quantistica e il calcolo quantico reale, che, insieme alla cosiddetta biologia quantistica, aprono la strada a nuovi paradigmi cognitivi  e a una nuova letteratura psicologica.

Lo studio di queste teorie può offrire prospettive nuove per la ricerca relativa alla genesi e alla natura della malattia mentale.

Il corso sarà ospitato dal Politecnico, dal 26 al 31 agosto e vedrà riunirsi a Torino 50 medici da tutta Italia e circa 15 studenti di discipline tecniche e fisiche, che discuteranno con 15 speaker di livello internazionale su questi argomenti, tra i quali i professori Ted Dinan (Ireland), Gustav Bernroider (Austria), Paavo Pylkkanen (Finlandia), Mark Rasenick (Chicago, USA) e i docenti italiani Massimo Cocchi, Francesco Cappello, Giuseppe Vitiello e Alessandro Vercelli.

123485Next