All posts tagged studenti

Sono uscite le graduatorie provvisione 2020/2021 per il servizio abitativo, come fare per vedere se il tuo nome è in elenco?

Devi accedere allo sportello online, selezionare la voce “borse di studio, servizio abitativo, servizio ristorazione” e selezionare “elaborata in graduatoria”. Le graduatorie definitive relative alla richiesta di servizio abitativo a.a. 2020/21 verranno pubblicate il 21 settembre 2020 dalle ore 12:00

 

Laureandi e laureande all’ascolto; prendete nota! Nell’articolo di oggi vogliamo darvi qualche dritta per la buona stesura di una tesi di laurea. Le cose da dire sarebbero davvero tante e ogni dipartimento ha le sue regole specifiche di formattazione del testo e layout, pertanto i nostri consigli sono generali e adatti ad ogni corsi di laurea. Il momento della scrittura della tesi è forse quello più emozionante della carriera universitaria; il coronamento di anni di studio, scriverla bene è il punto di partenza per un grande successo. 

 

  1. Individua l’argomento adatto alla tua tesi. Può essere un tema svolto durante un corso appassionatamente che hai seguito; la cosa più importante è che ti entusiasmi e, perché no, ti possa servire in futuro, magari per una pubblicazione o un colloquio di lavoro. Se non hai idee chiare individua prima un/a docente che reputi particolarmente valido/a e concordate insieme una tematica, i professori e le professoresse possono aiutarti. 
  1. La bibliografia prima di tutto il resto. La parte iniziale, forse la più noiosa, ma quella fondamentale per impostare un buon lavoro di tesi, è proprio la scrittura della bibliografia. Documentati, ricerca tutti i titoli che potrebbero interessare alla tua tesi e inizia a farti un’idea generale sulla piega che vorrai dare al tuo lavoro. Molto utili sono i portali di articoli scientifici o universitari, banche dati e archivi. Biasa, Academia.edu e Research Gate sono solo tre siti di studi, ricerche e articoli che potrebbero fare al caso tuo. Ricorda; devi sempre citare gli autori e le autrici di una specifica fonte. Nella bibliografia i riferimenti vanno scritti in ordine alfabetico partendo dal cognome. Esistono vari metodi; il Vancouver Style, l’ Harvard Style e quello classico. Il titolo dell’opera è sempre in corsivo.

 

 

  1. Redigi un indice. Una volta chiara l’idea sul tema e sugli argomenti che vorrai trattare nella tesi, sarà d’aiuto redigere un indice, ma non solo, questo è fondamentale per il relatore o la relatrice, non importa se l’indice varierà durante la scrittura della tesi, è normale, ma è importante che chi ti segue sappia come vorrai impostare il lavoro. 
  1. Le note a piè pagina. Word o Pages, i software più utilizzati per scrivere testi, ti permettono di inserire a piè pagina le note. Fallo volta per volta, segna sempre le pagine, il titolo dell’opera e l’autore a chi fai riferimento. Concorda la modalità con il relatore o la relatrice, possono essere inserite a fine pagine oppure a fine capitolo: nome puntato, cognome, titolo opera, casa editrice, luogo di edizione e anno.
  1. Il titolo deve parlare da sè. Fallo leggere a qualcuno e domanda cosa evoca nella loro mente. Il titolo della tesi deve essere esplicativo, puoi aiutarti con il sottotitolo, che spesso è più specifico. È normale che il titolo, talvolta, possa venirti in mente una volta terminata la tesi, è uno degli ultimi elementi a cui pensare. Spesso è meglio prima avere ben presentare la struttura del tuo studio di tesi per scrivere un titolo chiaro e ben fatto.

 

Seguici su Instagram & Facebook per aggiornamenti su scadenze universitarie, test d’ammissione ed eventi.

Per i giovani under 26 (non ancora compiuti), il Gruppo Torinese Trasporti anche quest’anno ha previsto una tariffa ad hoc

Nello specifico

  • Annuale Under 26
    Riservato a tutti i giovani sotto i 26 anni.
    Può essere acquistato durante tutto l’anno ed è valido 12 mesi.
    L’abbonamento è finanziabile.
    Costo: 258 euro
  • Annuale Under 26 – Tariffe agevolate ISEE
    Riservato agli under 26 residenti o domiciliati a Torino e in possesso di certificazione ISEE valida.
    Fascia Under A: 158 euro
    Fascia Under B: 178 euro
    Fascia Under C: 208 euro

Per il mese di settembre 2020 GTT ha previsto un’ulteriore agevolazione per gli studenti e le loro famigliea partire dal 15 agosto gli studenti potranno acquistare l’abbonamento mensile di settembre “Mensile Under 26” al prezzo di 22 euro. 

L’acquisto degli abbonamenti mensili di settembre 2020 “Under 26” a tariffa promozionale sarà possibile solo sul sito e-commerce GTT.

La legge di conversione del D.L. “Rilancio” ha previsto al comma 1-bis dell’art. 29  un rimborso delle spese d’affitto degli studenti fuori sede. Sono stati previsti 20 milioni di Euro ad incremento del fondo per il sostegno alle locazioni. Che cosa si sa fino ad oggi delle modalità di accesso a questo fondo per studentesse e studenti?

  • l’accesso é limitato a coloro che hanno un ISEE non superiore a 15.000 euro;
  • tale beneficio é incumulabile con qualunque altra forma di sostegno al diritto allo studio;
  • Il rimborso spetta per tutto il periodo dello stato di emergenza sanitaria da Covid-19;
  • il calcolo avverrà sull’importo del canone dei contratti di locazione stipulati da studentesse e studenti residenti in luogo diverso rispetto a quello dove è ubicato l’immobile locato.

Per conoscere il dettaglio sulle modalità e tempi di accesso a tale fondo bisognerà aspettare un Decreto Ministeriale che verrà emanato entro il 17 ottobre prossimo. Insomma ancora un po’ di pazienza,

C’è tempo fino a mercoledì 30 settembre è possibile candidarsi per iscriversi all’anno “corsaro” 2020/2021 di Holden Academy. Cosa bisogna fare?

  • un test a distanza e, in casi particolari, da concordare in presenza presso la sede di Piazza Borgo Dora, 49;
  • un colloquio via Skype nel caso tu abbia scelto di fare il test a distanza;
  • non studiare nulla per il test ma dai sfogo a tutta la tua creatività: si, é proprio così;
  • se risulti ammessa/o, hai una settimana di tempo per iscriverti.

Maggiori info le trovate qui

 

La Scuola di Studi Superiori “Ferdinando Rossi” affianca e integra il percorso degli studenti iscritti al I anno di tutti i corsi dell’Università degli Studi di Torino.

Dopo aver scelto il tuo corso di studi ed esserti immatricolata/o all’Università degli studi di Torino, iscriviti al concorso di ammissione della SSST entro il 27 agosto.

Che cosa vuol dire impegnarsi di più con la Scuola di Studi Superiori Ferdinando Rossi?

  • Rimborso delle tasse universitarie;
  • Contributo allo studio;
  • posto presso un Collegio Universitario.

Cos’hanno in comune il  Dothraki de “Il trono di spade” o il Klingon di Star Trek? Sono entrambe conlanguages, vale a dire lingue artificiali per universi finzionali. Inventare lingue è un’operazione scientifica che richiede il giusto mix di competenza e creatività.

Non ci si improvvisa professionisti delle lingue e se mai gli alieni volessero comunicarci qualcosa. A questo tema e coinvolgendo ben tre linguisti dell’Università di Torino é dedicato l’ultimo episodio prima della pausa estiva di  FRidA Prof fantastici e dove trovarli“, il podcast che racconta la vita di docentiricercatori e ricercatrici del nostro Ateneo oltre le lezioni, tra ricercapassioni e curiosità.

Gli ospiti del podcast “Lingue a merenda” che trovate Qui sono Elisa Corino, docente di Didattica delle lingue moderne; Roberto Merlo, docente di Lingua e letteratura romena; e Simone Bettega, docente di Lingua e letteratura araba. Li trovate al Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere e Culture Moderne.

 

Una palestra e anche un asilo saranno aperti all’interno della Palazzina Aldo Moro dell’Università di Torino. Oltre alle aule, agli uffici del dipartimento di Lingue, aperti da tempo insieme a una parte dei locali commerciali, da settembre saranno disponibili oltre 1200 metri quadri, al piano seminterrato, dove sorgerà un’area completamente rivisitata, capace di ospitare 2mila persone. Nel dettaglio, ci saranno: 3 aule multifunzionali, un centro congressi, un’aula didattica da 410 posti e una palestra – gestita dall’Università e che, allo stesso tempo, sarà anche un centro di ricerca.

Sarà disponibile anche un parcheggio sotterraneo con 623 posti auto (di cui circa 160 destinati alla comunità universitaria). L’ultima palazzina sarà invece adibita a residenza universitaria e sarà composta da 30 camere doppie e 60 camere singole e potrà ospitare fino a 120 studenti.

Da mercoledì 15 luglio saranno due le aule studio Edisu che riapriranno a Torino previa prenotazione del posto/studio (numerato) da remoto per frazioni di tempo non inferiori all’ora. L’accesso é consentito indossando la mascherina, igienizzando le mani e all’ingresso e all’uscita e compilando un’autocertificazione in cui dichiara la propria temperatura inferiore a 37,5 gradi e di non essere positivo al COVID-19.

Principe Amedeo

Dal lunedì al venerdì: 8.30 – 19.00
Sabato: 8.30 – 13.30
Domenica: chiuso

Capienza: 50 posti/studio

Per prenotare occorre inviare una email ai seguenti indirizzi di posta elettronica:

Ormea

Dal lunedì al venerdì: 9.00 – 19.30
Sabato e domenica: chiusa

Capienza: 87 posti/studio

Per prenotare occorre inviare una email ai seguenti indirizzi di posta elettronica:

Dal 13 al 17 luglio si terrà la settimana speciale dedicata alla scoperta dell’Istituto di Arte Applicata e Design (IAAD).
Sette giorni per conoscere IAAD, i suoi docenti e il suo metodo didattico.

Lunedì 13 alle ore 16 potrete esplorare il Corso di Laurea in Textile & Fashion design!

.
Scopri come partecipare sul sito 👉 www.iaad.it

1234Next