All posts in News

Polito: cultura e mobilità studentesca

Anche per l’anno accademico 2018/2019 il Consiglio di Amministrazione del Politecnico ha deciso di rinnovare il pacchetto di iniziative per la mobilità e la cultura, che permette agli studenti iscritti a tempo pieno di beneficiare di agevolazioni relativamente all’acquisto di titoli di viaggio e dell’Abbonamento Musei.

Per usufruire del pacchetto di iniziative per la mobilità e la cultura gli studenti dovranno inviare esplicita richiesta tramite l’apposita procedura disponibile sulla pagina personale del portale della didattica entro il 28 dicembre 2018.

A questo proposito segnaliamo alcune importanti novità introdotte per l’a.a. 2018/2019 e riguardanti sia i requisiti per beneficiare delle agevolazioni sia le modalità con cui saranno erogate.

A partire dal 3 settembre 2018, la procedura proporrà – SOLO A COLORO CHE POSSEGGONO I REQUISITI NECESSARI – la possibilità di richiedere i benefici. I requisiti sono indicati al fondo di questa comunicazione. La possibilità di richiedere il rimborso dei titoli di viaggio sarà visualizzabile solo dopo l’attribuzione del livello contributivo definitivo.

RIMBORSO TITOLI DI VIAGGIO

Per quanto riguarda i titoli di viaggio, è confermato il sistema “a rimborso”: nella procedura online sarà necessario allegare scansione della ricevuta di acquisto dell’abbonamento, in cui siano chiaramente indicati i dati anagrafici dello studente. Saranno ammessi a rimborso, gli abbonamenti acquistati tra il 1° luglio 2018 e il 28 dicembre 2018 di durata compresa tra i 10 e i 12 mesi (no settimanali, no mensili) di qualsiasi rete di trasporti che consenta di raggiungere la sede del Politecnico frequentata (GTT, Trenitalia, Arriva-Sadem…).

A differenza dell’a.a. 2017/2018, anche gli studenti con un reddito superiore a 30.500 euro potranno beneficiare dell’agevolazione, purché in possesso dei requisiti di merito previsti dalla Legge di Bilancio 2017 e riportati nella tabella. Per tutti, l’importo del rimborso massimo varierà in base al proprio livello contributivo definitivo, secondo la tabella che segue.

Sarà quindi necessario completare la richiesta di riduzione della contribuzione (o attestare tramite procedura che non si intende chiedere riduzione della contribuzione) entro la scadenza del 28/12/2018 in modo da essere in possesso di un livello economico definitivo per l’a.a. 2018/2019.

Il rimborso sarà erogato automaticamente allo studente (non sarà più possibile scegliere se lasciare la somma a credito sul conto corrente virtuale o riscuoterla): per completare la procedura di richiesta dei benefici sarà quindi necessario indicare nella sezione Tasse e Pagamenti della Segreteria Online la modalità con cui si intende ricevere il rimborso.

fascia ISEE PoliTO Livello contribuzione PoliTO somma MASSIMArimborsabile*
fino a 30.500 euro 1 – 19 208 euro
da 30.501 euro a 35.500 euro 20 – 24 150 euro
da 35.501 euro a 50.500 euro 25 – 39 100 euro
oltre 50.500 euro 40 – 75 50 euro

*sarà rimborsato il valore dell’abbonamento se inferiore o uguale alla somma massima; se di valore superiore, sarà rimborsata la somma massima

ABBONAMENTO MUSEI

Per quanto riguarda l’Abbonamento Musei, poiché stato verificato che, a fronte dell’alto numero di abbonamenti gratuiti richiesti dagli studenti nell’.a.a 2017/2018, la fruizione non è stata altrettanto alta (con un costo significativo a carico della collettività), il Consiglio di Amministrazione ha ritenuto di ripetere l’iniziativa per l’a.a. 2018/2019 chiedendo però agli studenti, a dimostrazione del reale interesse, una minima compartecipazione al costo, fissata in 8 euro.

La somma dovrà essere versata contestualmente alla richiesta seguendo le indicazioni della procedura online di cui si è detto in precedenza (senza versamento non sarà possibile concludere la procedura di richiesta).

 

I requisiti di merito richiesti per beneficiare dell’attivazione sono quelli previsti dalla Legge di Bilancio 2017, riportati di seguito.

REQUISITI PER BENEFICIARE DEL PACCHETTO DI INIZIATIVE PER LA MOBILITA’ E LA CULTURA:

  • Iscrizione o immatricolazione full-time all’a.a. 2018/2019

  • Iscrizione entro la durata normale del percorso di studi più un anno (fino alla quarta iscrizione per la Laurea, fino alla terza iscrizione per la Laurea Magistrale)

  • Studenti immatricolati all’anno accademico 2018/2019: nessun requisito

  • Studenti iscritti per la seconda volta a un corso di Laurea o Laurea Magistrale: aver ottenuto almeno 10 CFU nel periodo tra il 10 agosto 2017 e il 10 agosto 2018

  • Studenti iscritti per la terza e quarta volta a un corso di Laurea / iscritti per la terza volta a un corso di Laurea Magistrale: aver ottenuto almeno 25 CFU nel periodo tra il 10 agosto 2017 e il 10 agosto 2018

 

Maggiori informazioni sull’Abbonamento Musei sono reperibili qui.

Gli studenti appartenenti al Percorso Giovani Talenti devono fare riferimento agli stessi requisiti e modalità di richiesta previsti dal Pacchetto di Iniziative per la Mobilità e la Cultura per ottenere il rimborso del titolo di viaggio e l’abbonamento Musei.

Per quanto riguarda l’abbonamento ToBike, riservato esclusivamente agli studenti del Percorso Giovani Talenti, la procedura di richiesta online sarà attiva, indicativamente da metà ottobre 2018, dopo l’accettazione di partecipazione al Percorso per gli studenti che vi entrano a far parte durante l’anno accademico 2018/2019; dopo aver maturato i requisiti di permanenza per gli studenti già parte del Percorso durante l’a.a. 2017/2018.

ESCP Europe_Studenti

Prende il via la terza edizione dei Collective Project: venti team di allievi della Business School lavoreranno fianco a fianco con le imprese selezionate da SocialFare, BTREES e Réseau Entreprendre Piemonte.

Imparare ad analizzare i trend di mercato e confrontare i competitor, pianificare campagne di comunicazione e marketing, studiare un prodotto per migliorarne la performance e misurare i risultati: sono solo alcune delle attività che coinvolgeranno gli studenti del programma Bachelor in Management (BSc) della business school ESCP Europe che per cinque mesi lavoreranno come giovani consulenti aziendali fianco a fianco con alcune delle più innovative start-up italiane.

 

Prende il via la terza edizione dei Collective Project, quest’anno sviluppati in collaborazione con SocialFare, il primo centro italiano interamente dedicato all’innovazione sociale, la media Agency BTREES e la rete di imprenditori Réseau Entreprendre Piemonte.

“Learning by doing”, la convinzione che solo la pratica possa davvero rafforzare la conoscenza, è da sempre uno dei metodi d’insegnamento cardine della Business School nata nel 1819, tra le più prestigiose a livello mondiale, e i Collective Project rappresentano un’opportunità per gli studenti di entrare in contatto con realtà imprenditoriali giovani e dinamiche. Al tempo stesso il progetto costituisce per le start-up l’occasione di cogliere intuizioni che possono provenire da giovani in grado di sperimentare nuove soluzioni di business e favorire la loro scalabilità sul mercato.

 

Dalla biomedica al social eating, dall’energia elettrica ai droni, dalle capsule del caffè ecosostenibili alle piattaforme di job sharing, le aziende coinvolte dai tre partner operano nei settori economici più vari.

Venti team lavoreranno a stretto contatto con le 19 start-up selezionate da SocialFare, BTREES e Réseau Entreprendre Piemonte con l’obiettivo di unire formazione manageriale e sviluppo di imprenditorialità. Gli studenti, dotati di strumenti condivisi di Project Management e soggetti a serrate verifiche dell’avanzamento del lavoro per aumentare la loro professionalità, potranno condividere esperienze costruttive e di crescita personale, acquisendo al tempo stesso abilità pratiche, manageriali e di leadership.

Dei 118 studenti del Bachelor in Management che partecipano, ben l’82% proviene da 33 Paesi stranieri (Algeria, Austria, Belgio, Brasile, Bulgaria, Canada, Cina, Croazia, Ecuador, Finlandia, Francia, Georgia, Germania, Giappone, India, Iraq, Kosovo, Lettonia, Lussemburgo, Marocco, Norvegia, Polonia, Perù, Repubblica Ceca, Russia, Serbia, Spagna, Svezia, Ucraina, Ungheria, Uruguay, USA, Vietnam) e l’età media dei partecipanti è compresa tra i 19 e i 20 anni. Al termine dell’esperienza formativa, che contribuisce alla valutazione accademica, saranno chiamati a presentare il progetto sviluppato.

 

«Il Campus di Torino è fortemente orientato all’imprenditorialità ed ha una fitta rete di rapporti con il mondo delle imprese. I Collective Project sono un’occasione ulteriore per la nostra business school di fare rete con le realtà imprenditoriali emergenti ed innovative del territorio dichiara il Prof. Francesco Rattalino, Direttore di ESCP Europe Torino Campus . Già nelle precedenti edizioni l’affiancamento di team di studenti internazionali alle start-up aderenti si è dimostrato un’eccellente palestra formativa, offrendo loro l’opportunità di sviluppare nuove competenze e di mettere in pratica quanto appreso in aula».

SocialFare seguirà lo sviluppo dei progetti di EcoStalla e Humus, mentre BTREES quelli di Acus, Dynameet e Interlinea. Réseau Entreprendre Piemonte coordinerà invece i lavori delle aziende senior Aizoon, Graziadio, Metroconsult e WellCom e delle startup Biotechware, Gnammo, Goolbook, Immodrone, I-see, Orangogo, Tredivino, Vinnoxygen e Waycap.

 

«La partnership tra ESCP Europe e SocialFare continua e cresce – commenta Laura Orestano, CEO di SocialFare –: le start-up a impatto sociale accelerate da SocialFare diventano non solo stimolo al coinvolgimento progettuale per gli studenti del Bachelor ma anche evidenza del crescente interesse da parte loro verso i temi impact. ESCP Europe e SocialFare sono chiamati quindi ad interrogarsi su come rispondere insieme ad una domanda di conoscenza che è sempre più attenta alla sostenibilità sociale come risultato di nuovi modelli di business che integrino il valore sociale come elemento fondamentale della catena del valore di qualsiasi azione imprenditoriale e organizzativa».

 

«Come Agenzia di Comunicazione intendiamo collaborare alla crescita dell’ecosistema dell’innovazione del Piemonte e non solo continua Lorenzo D’Amelio, Innovation Strategist di BTREES . Rinnovare la nostra partecipazione all’iniziativa al 3° anno di attività con ESCP Europe, Social Fare e Réseau Entreprendre ci onora ed ha per noi un doppio significato: dare l’opportunità agli studenti di sperimentare le proprie competenze – nell’ambito delle ricerche di mercato, analisi di comunicazione e non solo – praticamente e direttamente con le PMI per cui lavoriamo ed al contempo portare un valore aggiunto alle imprese da noi supportate. Abbiamo il piacere quest’anno di coinvolgere nel progetto le seguenti aziende: Dynameet, Acus, Interlinea».

 

«Siamo davvero felici di essere stati coinvolti nell’ESCP Europe Collective Project – afferma Giovanni Radis, Presidente di Réseau Entreprendre Piemonte –. Il motto di Réseau Entreprendre è “Per creare nuovi posti di lavoro creiamo imprenditori” e proprio in tal senso coltiviamo i giovani talenti mettendo a loro disposizione, per crescere, l’esperienza di imprenditori senior. Speriamo vivamente di far vivere ai team di studenti ESCP Europe l’opportunità di immergersi nelle aziende nostre associate e nelle start-up, in quanto siamo convinti dell’importanza del binomio Università/Impresa».


ESCP Europe 

Nata a Parigi nel 1819 come prima Business School del mondo, ESCP Europe è fra le più rinomate a livello internazionale e sempre ai primi posti nei ranking delle Business School. Con sei sedi in Europa – a Berlino, Londra, Madrid, Parigi, Torino e Varsavia – prepara ad una carriera internazionale nel management. A livello aggregato europeo, accoglie ogni anno circa 5.000 studenti e 5.000 manager, provenienti da 100 diversi Paesi, per un portfolio completo di programmi in General Management e Master specialistici. La rete degli ex allievi annovera 55.000 membri di 200 diverse nazionalità ed è attiva in 150 Paesi. Dal 2004 è presente a Torino, grazie al supporto della Chambre de Commerce et d’Industrie de Paris, della Camera di Commercio di Torino, dell’Università degli Studi di Torino, del Politecnico di Torino e di numerose aziende partner.

 

SOCIALFARE

SocialFare | Centro per l’Innovazione Sociale è il primo centro italiano interamente dedicato all’innovazione sociale: attraverso la ricerca, l’engagement, il capacity building e il co-design sviluppiamo soluzioni innovative alle pressanti sfide sociali contemporanee, generando nuova economia. Crediamo che il valore sociale possa generare valore economico e convergenza per innovare prodotti, servizi e modelli. Con un’ampia rete di partner nazionali ed internazionali acceleriamo conoscenza ed imprenditorialità a impatto sociale attraverso il design sistemico, il design thinking, le tecnologie abilitanti, mentoring, networking e impact investing per la scalabilità.

 

BTREES 

Btrees è una New Media Agency con sede a Biella, Novara e Torino. Composta da 15 persone e specializzata nella comunicazione sui Social Media, è stata incubata dal SELLALAB e mantiene un forte legame con le realtà innovative del territorio piemontese.

 

RÉSEAU ENTREPRENDRE PIEMONTE 

Réseau Entreprendre Piemonte è costituita da imprenditori senior di provata esperienza, operanti in diversi settori merceologici, che affiancano e aiutano in modo pratico, chi abbia un’idea di impresa innovativa, tradizionale o a vocazione sociale. L’obiettivo è la costruzione del “successo delle idee” fino a farle diventare attività reali e funzionanti, generatrici di nuovi posti di lavoro. Réseau Entreprendre è presente in dieci paesi Francia compresa (Italia, Marocco, Tunisia, Belgio, Svizzera, Spagna, Cile, Portogallo e Senegal). L’Italia, nel 2010, è stato il primo paese non francofono in cui è approdata Réseau Entreprendre. La sede è in Piemonte, regione che da sempre si rapporta in modo costante e continuativo con la Francia.

 

Per ulteriori informazioni:

Ufficio Stampa ESCP Europe Campus Torino
Spin-To. Comunicare per innovare
011 1971 2375
Elisa Barberis
340 1521525
barberis@spin-to.it

Resp. Ufficio Stampa
Stefano Fassone
347 4020062
fassone@spin-to.it

Contatti ESCP Europe Torino Campus
Cristina Marinelli
346 3969434
cmarinelli@escpeurope.eu

Ufficio stampa SocialFare
Silvia Bergamo
comunicazione@socialfare.org

Ufficio stampa Réseau Entreprendre Piemonte
EnneCi Communication
Nadia Finassi
011 30 40 551
ufficiostampa@enneci.net

Ufficio stampa BTREES
Lorenzo D’Amelio
lorenzo.damelio@btrees.social

 

 

Bando erasmus Unito
Online il Bando Erasmus 2019-2020 dell’Università degli Studi di Torino
Bando

Puoi presentare la domanda di candidatura a partire da martedì 20 novembre 2018 esclusivamente in forma telematica, autenticandoti con le tue credenziali alla MyUniTO di Ateneo e selezionando dal menu “Iscrizioni” la voce “Domanda Erasmus per studio”.
Scadenza per la presentazione delle domande: giovedì 13 dicembre 2018 alle ore 13.

Troverai maggiori dettagli e informazioni in queste due pagine del portale di Ateneo:

Contatti utili:

Sezione Mobilità e Didattica internazionale – Direzione Attività Istituzionali, Programmazione, Qualità e Valutazione
Telefono: (+39) 011 6704425
Fax: (+39) 011 2361017
Email: internationalexchange@unito.it
Murazzi Student Zone

Alla Murazzi Student Zone facciamo notte!
Da lunedì 19 novembre, dalla domenica al venerdì, l’aula studio Student prolunga i suoi orari di apertura fino a mezzanotte!

 

Più spazi in cui studiare la sera: un bisogno sempre più sentito dagli studenti e dalle studentesse di Torino

È per rispondere a questa esigenza che i 270 posti della Murazzi Student Zone saranno a disposizione per lo studio serale di tutti gli universitari e tutte le universitarie dalle 19 alle 24, in aggiunta al consolidato orario 9-19. Il nuovo orario 9-24, in vigore da lunedì 19 novembre 2018, varrà dal lunedì sino alla domenica, con l’eccezione del sabato che mantiene la fascia oraria 9-19.

“Si tratta per la Città di un investimento notevole, che si aggiunge a quello realizzato lo scorso anno per garantire maggiori risorse al fondo rotativo Edisu per la residenzialità di studenti e studentesse”, ha affermato l’assessore alle Politiche Giovanili e Città Universitaria Marco Alessandro Giusta. “Sostenere i soggetti in formazione, per il Comune, rientra in un più ampio quadro d’azione sulle politiche giovanili volto a rendere i e le giovani protagonisti della vita culturale e politica della nostra Città. Un investimento in conoscenza e cultura che rappresenta l’unica, reale opportunità di crescita nel III millennio”.

A due anni dall’alluvione

Era la fine di novembre di due anni fa. In quell’autunno torinese del 2016, l’alluvione aveva inondato e sommerso gli spazi della Murazzi Student Zone, l’aula studio nata nel maggio del 2013 in un luogo-simbolo della città e, da allora, divenuta punto di coesione e riferimento per il popolo studentesco di Torino.

A due anni da quel novembre 2016, la nuova Murazzi Student Zone, restaurata e da poco riaperta, sperimenta un nuovo orario di apertura, pensato per accogliere la crescente domanda di luoghi dedicati allo studio, in prossimità di esoneri ed esami delle imminenti sessioni invernali del Politecnico e dell’Università di Torino.

Orario Murazzi Student Zone

Lunedì 9-24
Martedì 9-24
Mercoledì 9-24
Giovedì 9-24
Venerdì 9-24
Sabato 9-19
Domenica 9-24

Segui la Student su Facebook!

Edisu

Smarriti…ma ritrovati!

Ti è capitato si studiare in una delle aule studio Edisu e di dimenticare un oggetto personale? Non preoccuparti, la possibilità di recuperarlo c’è!

È sufficiente chiedere nella Reception della Sala studio in cui l’oggetto è stato ritrovato oppure consultare il sito di Edisu.

Ecco gli ultimi oggetti smarriti in Sala studio che sono stati ritrovati:

Se invece non potessi recuperarli, sappi che verranno conservati nella Sala studio Michelangelo Buonarroti 17/BIS presso l’ufficio del Prestito testi universitari per circa sei mesi.

Ricorda che durante i primi 15 giorni dal ritrovamento, l’oggetto resta nella Reception della Sala studio in cui è stato trovato ma, se non ricordi dove puoi averlo perso, puoi seguire gli aggiornamenti sul sito e sui canali social media di Edisu e poi andare a recuperarlo al Prestito testi universitari!

escp open day

Il Campus torinese di ESCP Europe, business school internazionale che, dal 2004, ha accolto anche Torino nella rosa delle sue sedi europee, insieme con Berlino, Parigi, Madrid, Londra e Varsavia, torna sabato 10 novembre 2018 con un grande Open Day, dedicato a potenziali studenti o semplici curiosi.

ESCP Turin è un campus giovane, posto al centro di un fitto intreccio, quello della realtà torinese, tra territorio, imprenditoria locale (oltre la metà delle attività di ESCP sono rivolte al mondo delle imprese) e vocazione internazionale. Il campus, infatti, accoglie studenti nazionali e internazionali, provenienti da più di 30 paesi diversi, in un’offerta formativa dedicata al business e alla formazione dirigenziale.

L’Open Day del 10 novembre 2018 è un’opportunità preziosa per conoscere da vicino il mondo ESCP e per i potenziali studenti di comprendere meglio i programmi, la cultura, l’internazionalità e i valori della Business School, parlando con studenti, i professori e Alumni.

 

Agenda dell’Open Day:

Dalle 9.30 Registrazione dei partecipanti

10.00-11.00 Corso di laurea in Management

10.00-11.00 MBA in Management Internazionale

11.00-12.00 Master in Management

12.00-13.00 Master in International Food & Beverage Management,
Master in Hospitality and Tourism Management

*Se sei interessato al programma Executive MBA, puoi richiedere di fissare un appuntamento.

 

Tutti i partecipanti sono tenuti a registrarsi prima di accedere alla sessione informativa di loro interesse.

 

Challenge Conservazione del cibo e sostenibilità
Cara studentessa/laureata, caro studente/laureato di ogni area disciplinare, pensi di sapere come ridurre lo spreco alimentare proveniente dalle abitazioni? Vuoi contribuire alla progettazione di un nuovo scenario domestico flessibile e sostenibile, legato alla preparazione e alla conservazione degli alimenti? QUESTA È LA CHALLENGE CHE FA PER TE!

Il food waste definito anche “spreco alimentare” derivante dalla grande disponibilità di cibo nelle abitazioni, non è un problema solo di risorse economiche che si sperperano, ma incide notevolmente anche su risorse naturali e risorse energetiche utilizzate in tutti i processi della catena alimentare. Il food waste sta diventando un fenomeno sempre più emergente e le soluzioni in campo sono pressochè inesistenti.

Questa challenge intende indagare nuove e più efficienti modalità di conservazione dei cibi pensate ad hoc per ogni alimento e valutarne l’impatto sulle abitudini domestiche.

Il frigorifero è parte integrante di un paradigma fondato sulla velocità di preparazione e sul consumo dei pasti che favorisce la diffusione di alimenti precotti facendo emergere il relativo problema dello smaltimento dei packaging. Quali scenari potrebbe aprire l’introduzione di nuovi metodi di conservazione degli alimenti?


Conservazione del cibo e sostenibilità.
Dinamiche sociali e comportamenti digitali relativi alla conservazione e all’utilizzo del cibo. Una giornata con il frigorifero. In collaborazione con Fablab e Kynerion.
La call è aperta a tutti i laureati, studenti magistrali e dottorandi del Politecnico e dell’Università di Torino.
Il termine delle iscrizioni è prorogato a Lunedì 29 ottobre 2018 ore 12:00.

La candidatura dovrà pervenire tramite Apply (http://apply.polito.it).
Per sottoporre la tua candidatura clicca su “Registrazione” e compila una breve anagrafica per creare un account, tieni a portata il codice fiscale e la carta d’identità.

Una volta ricevute le credenziali di accesso segui questa procedura:
– Clicca su Scegli percorso, Aggiungi iscrizione, LABORATORI, CLab Workshop
– Continua la procedura sulla voce “Laboratori” nella barra laterale, fino a selezionare la challenge CLab corrente.
– Gli allegati richiesti sono CV, lettera di motivazione e un allegato a scelta per presentarsi al meglio.

Gli studenti selezionati accederanno al colloquio con modalità che verranno comunicate il 29.

La challenge si svolgerà , dal 5 al 8 novembre 2018 presso il CLab, Cortile del Rettorato dell’Università di Torino in via Verdi n°8, il 9 novembre in sede da definire e presso il FabLab sito in via Egeo n°16, dal 12 al 16 novembre.

I pitch finali verranno presentati il 19 novembre nuovamente presso l’aula Clab.(Via Verdi 8)
Per informazioni visita il sito.

Per ulteriori chiarimenti scrivi a: clabtorino@gmail.com
O contattaci al: 0116702028-2029-2063


Ma cos’è il “C.Lab – Torino” – Contamination Lab?
C.Lab è il primo Contamination Lab Interateneo Italiano


Uno spazio dedicato a studenti e dottorandi del Politecnico e dell’Università di Torino per sperimentare nuovi modelli di apprendimento e sviluppare progetti innovativi.  C.Lab TORINO – Contamination Lab Torino, promosso e finanziato dal MIUR: il primo e unico in Italia ad essere frutto della collaborazione di due Atenei.

Un luogo di incontro tra studenti universitari e dottorandi di discipline diverse, in cui la contaminazione e l’incrocio di conoscenze e punti di vista diversi permette di sperimentare nuovi modelli di apprendimento e di sviluppare progetti di innovazione a vocazione imprenditoriale e sociale, in stretto raccordo con il territorio. È questa l’idea che si ispira i Contamination Lab, spazi realizzati all’interno delle università per offrire agli studenti “un ambiente stimolante per lo sviluppo di progetti di innovazione a vocazione imprenditoriale”, come spiegano le linee guida del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca che promuove questa iniziativa.

C.Lab TORINO offrirà a studenti di Università e Politecnico un ambiente informale e creativo dove seguire un percorso formativo extracurriculare innovativo, per creare nuove competenze e proporre soluzioni innovative alle sfide emergenti dal territorio e dai mercati.

C.Lab TORINO è progettato per realizzare soluzioni alle sfide che la società, le imprese e gli enti lanceranno ai 100.000 studenti della “Torino Città Universitaria”. Attraverso la contaminazione tra le diverse competenze, gli studenti e i dottorandi destinatari del progetto acquisiranno strumenti utili per affrontare il mercato del lavoro in un’ottica imprenditoriale, realizzando soluzioni innovative, con la possibilità di avviare nuove start-up.

Dal punto di vista formativo, il C.Lab TORINO propone Laboratori attivati da “sfide” tematiche basate su tre principali linee di azione: proposte di studenti e dottorandi, in una logica bottom-up; proposte degli Atenei, orientate a temi rilevanti per lo sviluppo dei territori; proposte di imprese, enti pubblici e privati, per affrontare temi di particolare criticità.

Il progetto C.Lab TORINO rientra nella prospettiva dell’Enterpreneurship Education, con l’obiettivo di creare valore sociale e promuovere la cultura imprenditoriale, l’innovazione e la sostenibilità.

Il C.Lab TORINO intende apportare un importante contributo allo sviluppo della città e del territorio, potenziando l’azione degli Atenei torinesi a favore dei cittadini e della realtà locale.

Le premesse di questa collaborazione tra i due Atenei sono l’incentivo ad avviare efficaci relazioni tra i principali attori del territorio, per la condivisione di conoscenze e competenze finalizzate a raggiungere una maggiore competitività sul mercato nazionale ed internazionale.

Con un finanziamento complessivo di circa 900.000 euro (di cui 300.000 euro – pari all’intero importo richiesto- ottenuti dal MIUR, e quasi 600.000 cofinanziati da Politecnico e Università), C.Lab TORINO si colloca tra i 16 progetti vincitori selezionati fra 68 candidature provenienti dagli Atenei di tutta Italia. 

Test di ammissione per l’a.a. 2019/20 in Cile, Brasile e Perù

Il Politecnico di Torino ha avviato il programma “TOPoliTO: attracting international Top students at the Politecnico di Torino” finalizzato al reclutamento di studenti internazionali di qualità per l’inserimento in corsi di studio di primo e secondo livello. La presenza nell’Ateneo di una componente rilevante di studenti internazionali rappresenta un valore culturale per l’Ateneo e un’opportunità per il territorio e il suo sistema economico.

In un contesto europeo e mondiale sempre più competitivo anche sul piano dell’offerta formativa universitaria, il programma si propone di rafforzare la capacità di attrarre studenti internazionali di talento che possano accedere ai percorsi di laurea di primo e secondo livello dell’Ateneo e che beneficeranno della cultura e tradizione scientifica italiana.

Nell’ambito del programma, nel mese di ottobre e novembre avranno luogo i test di ammissione ai Corsi di Laurea di I livello dell’Area dell’Ingegneria (test in lingua inglese o italiana a scelta del candidato), in Design e Comunicazione Visiva (test in lingua italiana) e in Pianificazione territoriale, urbanistica e paesaggistico-ambientale (test in lingua italiana) valido per l’a.a. 2019/20 in Cile, Brasile e Perù.
In particolare, il 19 ottobre i test si svolgeranno a Santiago del Cile presso la Scuola Italiana “Vittorio Montiglio”, il 26 ottobre a Valparaiso presso la Scuola Italiana “Arturo dell’Oro”, il 27 ottobre a San Paolo del Brasile presso il “Colégio Dante Alighieri” e il 9 novembre a Lima presso la Scuola Italiana “Antonio Raimondi”.

Per iscriversi alla prova di ammissione, i candidati interessati devono registrarsi al sito di ateneo “Apply@POLITO” e seguire le indicazioni relative al corso di Laurea per il quale si vuole effettuare il test, selezionando la data e il luogo del test.
Inoltre, nell’ambito del progetto TOPoliTO, a breve verrà pubblicato il bando per le borse di studio riservate a candidati che sosterranno il TIL-I, TIL-D e TIL-P in Cile, Brasile e Perù.

Inoltre, nell’ambito del progetto TOPoliTO, a breve verrà pubblicato il bando per le borse di studio riservate a candidati che sosterranno il TIL-I, TIL-D e TIL-P in Cile, Brasile e Perù.

Per tutti i dettagli consultare il link

Pagine web dedicate agli studenti internazionali e con titolo estero

Offerta formativa 

Per ulteriori informazioni rivolgersi a: international.admission@polito.it

Olivetti Design Contest

Si chiama Olivetti Design Contest, la competizione di design industriale promossa da Olivetti, il noto gruppo eporediese protagonista di una secolare storia di ricerca e innovazione e ancora oggi attivo nel settore ICT. Il concorso, giunto quest’anno alla sua terza edizione è rivolto agli studenti di alcuni fra i più prestigiosi istituti italiani e internazionali, tra i torinesi si contano lo IAAD – Istituto d’Arte Applicata e Design e il DAD, il Dipartimento di Architettura e Design del Politecnico di Torino.

Il contest premierà i progetti che presenteranno un contributo originale alla realizzazione di una smart chair e/o di una stampante fiscale. La giuria esaminerà i progetti valutando gli elementi concettuali dell’opera, la qualità della realizzazione e la possibilità di sviluppo in termini commerciali, tenendo naturalmente conto del sistema di valori Olivetti: orientamento al cliente, innovazione, esperienza, eccellenza e proattività.

Tre saranno i progetti vincitori, ai quali, per ognuno dei due temi previsti dal bando sarà conferito un premio di € 2.000,00 (primo classificato), di € 1.500,00 (secondo classificato) e di € 1.000,00 (terzo classificato).

La partecipazione al contest è gratuita, ed è possibile partecipare per il design dei singoli temi o per entrambi. Tutti i partecipanti dovranno risultare iscritti come studenti alle Università e Accademie al momento del primo invio dei materiali e indicate nel punto 2 del presente regolamento.

Qualora il progetto fosse frutto della collaborazione di più studenti, tutto il team parteciperà al contest.

Gli elaborati digitali dovranno essere trasferiti via email, a cura degli Istituti, all’indirizzo
info@olivettidesigncontest.com

Scarica qui il bando per tutti i dettagli.

Start@Unito
Se hai seguito uno dei percorsi on line del Progetto e ti sei appena immatricolato all’UniTo, puoi iscriverti all’appello straordinario Start@UniTO.

A partire dal 15 ottobre 2018, infatti, è possibile sostenere l’appello d’esame degli insegnamenti on line messi a disposizione tramite il progetto Start@UniTO.

L’esame dovrà essere sostenuto di persona presso i locali dell’Università, successivamente all’immatricolazione e dopo

  1. aver terminato il percorso e superato il test finale;
  2. aver compilato su MyUnito il piano carriera;
  3. essersi iscritto su MyUnito all’appello.

In sede d’esame, è necessario portare con sè il documento d’identità e il certificato di frequenza ottenuto alla fine del percorso online.


Ma facciamo un passo indietro…Conosci il progetto Start@Unito?
Qualunque sia il corso di laurea che ti interessa, UniTO mette a tua disposizione insegnamenti on line gratuiti che puoi seguire anche se non sei ancora uno studente universitario. Puoi studiare con il ritmo più adatto a te, allenarti con i test di autovalutazione e sostienere l’esame appena immatricolato.
Iscriversi è semplice: basta collegarsi alla piattaforma Start@UniTO e scegliere i corsi di tuo interesse. Si accede con un clic, anche  utilizzando le tue credenziali social e puoi iniziare da subito il tuo nuovo percorso di studi.
Start@UniTO ti fa iniziare l’Università con il piede giusto: non solo ti aiuta ad orientarti nella scelta del percorso di studi più adatto a te, ma ti permette di ottenere già ad inizio carriera un esame universitario superato!

L’iniziativa nasce nell’ambito delle strategie finalizzate all’aumento della qualità e dell’efficacia della didattica, per promuovere e facilitare la transizione dalla scuola secondaria di secondo grado al sistema didattico universitario attraverso la realizzazione e la diffusione di una serie di insegnamenti, offerti interamente on-line, di avvicinamento al percorso universitario. L’accesso ha consentito agli studenti dell’ultimo anno delle superiori (anno scolastico 2017-2018) di verificare la coerenza della propria scelta di studi universitari.

Oltre alle evidenti ricadute in termini di orientamento, il progetto si pone come strumento di facilitazione, motivazione e sostegno all’avvio del percorso formativo universitario, con ricadute in prospettiva positive sulla riduzione del tasso di abbandono e di dispersione.

Il progetto ha portato alla realizzazione di 20 insegnamenti on-line di carattere ‘open’ (fruibili da parte di tutti gli utenti, che si collegheranno con credenziali personali al fine di garantire un semplice monitoraggio degli accessi), su tematiche ampie e generali, propedeutici rispetto ai corsi del primo anno già previsti nei piani di studio dell’Università.

Al termine del percorso on-line viene rilasciata una certificazione delle conoscenze acquisite necessaria agli studenti che si sono immatricolati ad UniTO nell’a.a. 2018-2019 (laurea triennale o magistrale a ciclo unico) per sostenere immediatamente il relativo esame, così avendo la possibilità di acquisire da subito, e dunque in anticipo rispetto al percorso standard, i corrispettivi CFU.

Inoltre, il carattere ‘open’ degli insegnamenti e la loro accessibilità da parte di chiunque consentirà una significativa visibilità del progetto anche presso soggetti ed utenti diversi dai futuri studenti di UniTO, in coerenza con le finalità di terza missione e public engagement dell’Ateneo torinese.


Elenco degli insegnamenti, suddivisi per dipartimento:

 

Dipartimento di Culture, Politica e Società

  • Lessico delle scienze politiche, sociali e internazionali

Dipartimento di Filosofia e Scienze dell’Educazione

  • Cos’è la filosofia
  • Elementi di sociologia e ricerca sociale

Dipartimento di Fisica

  • Fisica

Dipartimento di Giurisprudenza

  • Diritto alla salute
  • Europa: istituzioni e diritti
  • Legge e giustizia

Dipartimento di Informatica

  • Informatica e pensiero computazionale per le scienze della natura
  • Informatica e pensiero computazionale per le scienze umane

Dipartimento Lingue e Letterature Straniere e Culture Moderne

  • Antropologia culturale
  • Didattica delle lingue moderne

Dipartimento di Management

  • Economia e azienda

Dipartimento di Matematica “Giuseppe Peano”

  • Elementi di logica matematica
  • Elementi di matematica e storia delle scienze
  • Matematica in e-learning

Dipartimento di Psicologia

  • Storia della Psicologia

Dipartimento di Scienza e Tecnologia del Farmaco

  • Come nasce e come funziona un farmaco?

Dipartimento di Scienze della Vita e Biologia dei Sistemi

  • Zoologia generale

Dipartimento di Studi Storici

  • Storia contemporanea

Dipartimento Studi Umanistici

  • Media e comunicazione

Accedi alla piattaforma Start@UniTO

123479Next