All posts tagged lavoro

Il Politecnico di Torino e le principali organizzazioni del Terzo Settore predispongono un documento congiunto contenente raccomandazioni e comportamenti per ridurre il rischio di contagio da SARS-CoV-2 durante le attività di assistenza alle persone fragili.

Quella legata alla Covid non è un’emergenza soltanto sanitaria, ma anche sociale ed economica, che rischia di colpire duramente gli strati sociali più deboli ed esposti. Come spesso accade, quando si tratta di affrontare un’urgenza, la prima risposta ai bisogni arriva proprio dal volontariato. Di fronte ad un pericolo tanto grave quanto ancora sconosciuto, i volontari non possono essere lasciati in balia di loro stessi, ma devono venire opportunamente formati ed informati per poter affrontare al meglio le sfide di un autunno che si prospetta complicato. Così, Politecnico di Torino, Società di San Vincenzo De Paoli, Caritas e Casa accoglienza del Cottolengo hanno costituito un tavolo per mettere a punto un protocollo che consenta ai volontari di continuare a restare accanto alle persone più fragili mantenendo un livello di sicurezza adeguato.

Il documento “Il terzo settore riparte in sicurezza – Prevenzione e mitigazione del rischio di trasmissione del contagio da SARS-COV-2 durante i servizi alla persona nell’ambito delle attività di volontariato” è una preziosa raccolta di informazioni, strumenti, buone pratiche e raccomandazioni che sono state redatte dagli esperti del Politecnico di Torino dopo aver accuratamente ricostruito tutte le situazioni in cui un volontario può venire a contatto con le persone seguite: dormitori, mense, distribuzione alimenti, raccolta e consegna di abiti usati, centri di ascolto ed anche visite a domicilio.

Ma il lavoro non finisce qui: conclusa questa prima fase partirà immediatamente la sperimentazione che avverrà con i volontari che seguiranno il protocollo nelle loro attività, a stretto contatto con gli esperti del Politecnico.

 

Una nuova opportunità formativa per gli aspiranti manager che desiderano specializzarsi nel campo dell’Art Management nasce dalla partnership tra il Sotheby’s Institute of Art-New York ed ESCP. Le due prestigiose istituzioni hanno firmato un accordo che consentirà agli studenti del Master in Management Grande Ecole di frequentare il primo anno di studio presso uno dei campus europei della Business School internazionale (Berlino, Londra, Madrid, Parigi, Torino e Varsavia) e il secondo anno a New York, per conseguire al termine del percorso una doppia laurea. A partire dal prossimo Anno Accademico 2020-2021, il Master in Business Art accoglierà giovani provenienti da tutto il mondo offrendo loro la straordinaria possibilità di sviluppare competenze trasversali necessarie per ricoprire posizioni dirigenziali o lavorare come imprenditore o consulente nel settore dell’arte.

 

“Il segno distintivo del Master – spiega Christine Kuan, CEO e Direttore del Sotheby’s Institute of Art – è il focus sul business dell’arte internazionale. Siamo onorati di collaborare con ESCP, leader nella formazione manageriale in Europa dal 1819, per creare un’opportunità di studio globale in una delle più importanti capitali dell’arte del mondo, Parigi”.

 

“L’acquisizione di conoscenze nel campo dell’arte e il loro collegamento con il mondo del business è molto importante per ESCP – aggiunge il Prof. Léon Laulusa, Executive Vice President per gli Affari Accademici e Internazionali –. È uno dei pilastri fondamentali della nostra strategia internazionale fondata su Arte, Business, Cultura, Diplomazia e Ingegneria per sviluppare una duplice competenza. Siamo molto orgogliosi di questa collaborazione con il Sotheby’s Institute of Art”.

 

“Questo scambio accademico dimostra ancora una volta la nostra ambizione di personalizzare il programma di apprendimento degli studenti del Master in Management. Dopo la riprogettazione del programma ‘Grande Ecole’, gli studenti possono ottenere fino tre specializzazioni nel corso dei loro studi”, conclude il Prof.ssa Cécile Kharoubi, Direttrice del Master in Management di ESCP.

 

Il programma, erogato interamente in lingua inglese, propone un duplice approccio formativo per soddisfare sia le esigenze delle aziende, sia l’alta domanda da parte degli studenti di personalizzare i propri percorsi di carriera individuali. È possibile scegliere tra oltre 58 specializzazioni, disponibili nei sei Campus della Business School, talvolta offerti in collaborazione con un istituto-partner riconosciuto per la propria esperienza in un determinato campo.

Il Centro Informagiovani di Torino ha previsto due incontri online con le/i referenti delle 7 Fondazioni regionali dei diversi Istituti Tecnici Superiori (ITS). Gli ITS non rilasciano un titolo universitario ma un attestato di alta formazione tecnica. I loro corsi sono gratuiti e con alte percentuali di occupazione al termine del percorso.

Gli incontri si terranno:

Giovedì 2 luglio ore 15:00

  • ITS Efficienza Energetica
  • ITS Aerospazio e Meccatronica
  • ITS Agroalimentare
  • ITS ICT Tecnologie dell’informazione e della comunicazione

Venerdì 3 luglio ore 15:00

  • ITS Biotecnologie
  • ITS Tessile, abbigliamento e moda
  • ITS Turismo

Qui le info e i link per i form

Avete mai fatto un digital tour? L’occasione ve la offre qui non a caso proprio l’ITS ICT (Tecnologie dell’informazione e della comunicazione). Potrete così conoscere i 5 corsi offerti dalla Fondazione, le modalità di ingresso, gli sbocchi professionali e ogni curiosità.

 

L’ITS ICT (Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione) Piemonte non si ferma e ha preparato iniziative ed eventi di comunicazione per descrivere i loro corsi.

Stiamo preparando alcuni video in cui le aziende che lavorano con noi e le immagini, racconteranno i nostri percorsi, le attrezzature, le aule e ciò che contraddistingue il nostro ITS. Tutto sarà disponibile nei prossimi giorni sul loro sito.

E’ stato organizzato per giovedì 4 giugno alle ore 15:00 il primo appuntamento on-line di presentazione dell’ ITS ICT.
Le studentesse e gli studenti interessati e chiunque vorrà partecipare, potrà iscriversi sul loro sito per ricevere il link di accreditamento ed essere aggiornati su date di appuntamenti, iscrizioni e selezioni.

Ulteriori informazioni utili:

– le ISCRIZIONI per il prossimo biennio non sono ancora state avviate, prevediamo l’avvio delle stesse nel periodo di luglio, a seguito delle disposizioni della Regione Piemonte

– l’ITS ICT continua a offrire percorsi di alta specializzazione interamente finanziati quindi gratuiti senza prevedere tasse di iscrizione alla selezione e per la frequenza del biennio. 

– Gli ITS hanno la possibilità di modificare i programmi di studio all’avvio di ogni biennio per poter rispondere concretamente alle esigenze delle aziende, pertanto è possibile che i nuovi percorsi di studio possano subire delle variazioni nel titolo o in alcuni contenuti rimanendo comunque focalizzati sullo studio delle tecnologie per l’informatica e la comunicazione.
– Il periodo vissuto ha anche evidenziato l’importanza e la centralità degli strumenti digitali per tutti i settori produttivi, dando impulso a nuovi investimenti e nuovi strumenti che sosterranno ulteriormente l’occupazione nel settore.  
Io Lavoro 2018

Un momento di incontro tra domanda e offerta di lavoro: il 24 e 25 ottobre 2018, ritorna a Lingotto Fiere di Torino il salone IOLAVORO, nella sua 22esima edizione. Noi di StudyinTorino saremo presenti e disponibili a darvi info utili sull’orientamento universitario.

Ma cos’è IOLAVORO?
IOLAVORO è la manifestazione che mette in contatto diretto le aziende che ricercano personale con le persone in cerca di lavoro.

IOLAVORO rappresenta un importante momento di incontro tra domanda e offerta di lavoro, un’occasione per giovani e meno giovani di avere accesso contemporaneamente e nello stesso luogo a diversi servizi e opportunità legate al mondo del lavoro, dall’accoglienza all’orientamento, fino al contatto diretto con l’impresa che può trasformarsi in un vero e proprio rapporto di lavoro.

IOLAVORO è nata per favorire l’incontro tra chi offre lavoro e chi è alla ricerca di un impiego. La manifestazione è promossa dalla Regione Piemonte, la Provincia di Torino e la Città di Torino, con il coordinamento organizzativo dell’ Agenzia Piemonte Lavoro (APL), in collaborazione con i Centri per l’Impiego della Provincia di Torino e della Regione Valle d’Aosta, l’Agenzia Liguria Lavoro, i Servizi per l’Impiego francesi Pôle Emploi della Regione Rhône-Alpes, la rete Eures (Servizi Europei per l’Impiego) e l’Inps.

Qui la locandina dell’evento.

Organizzazione Agenzia Piemonte Lavoro – Ente Strumentale della Regione Piemonte Via Avogadro, 30 10121 Torino (Italy)
 info@iolavoro.org
 www.iolavoro.org

Career day PoliTo

Ieri, giovedì 19 aprile, oltre 90 aziende hanno incontrato i laureandi e laureati dell’Ateneo. È stato inoltre predisposto un CV Corner a disposizione dei ragazzi per perfezionare la scrittura del Curriculum Vitae.

La capacità di garantire ai propri laureati una collocazione diretta nel mondo del lavoro è da sempre uno dei plus offerti dal Politecnico di Torino, come testimonia anche la recente classifica internazionale Graduate Employability Rankings 2018, proposta nell’autunno scorso dal prestigioso istituto britannico QS. Questa classifica certifica che il Politecnico di Torino è la prima università al mondo nel garantire prospettive occupazionali ai propri laureati, collocandola al 1°posto al mondo per l’indicatore Graduate Employment Rate, calcolato come rapporto tra la percentuale di occupazione dei laureati (pari al 94%) e la media degli Atenei italiani esaminati (pari al 76.2%).

Con queste ottime premesse, ritorna oggi il Career Day del Politecnico, appuntamento conclusivo della manifestazione Orientati al futuro,atteso da laureandi e neo-laureati per incontrare gli attori del mondo del lavoro.

Il numero delle aziende presenti al salone e interessate ad assunzioni o inserimenti in stage di ragazzi formati al Politecnico è in costante crescita, tanto che anche quest’anno si sono superate le 90 presenze con molte new entry, a testimonianza del fatto che i laureati del Politecnico di Torino sono estremamente ricercati dagli HR delle imprese.

Nel corso del Career Day, oltre a poter incontrare i reclutatori di importanti aziende nazionali e internazionali, i laureati e laureandi potranno partecipare a presentazioni aziendali specifiche. Grande attenzione sarà dedicata quest’anno alla cura del Curriculum Vitae: il personale dell’Ufficio Stage & Job dell’Ateneo sarà a disposizione dei ragazzi in un vero e proprio CV Corner, dove gli studenti potranno aggiornare direttamente il loro CV e accedere attraverso QR code ai video dedicati all’orientamento professionale. Gli studenti potranno anche inserire la foto sul CV scattata direttamente allo stand Stage&Job.

Il Career Day è però solo una delle attività di supporto al placement organizzate dall’Ateneo per i propri studenti, che durante tutto l’anno possono usufruire di iniziative volte a facilitare l’inserimento nel mondo del lavoro: eventi di recruitment, percorsi di orientamento al lavoro e cicli di incontri tematici sono solo alcuni esempi. Anche le aziende trovano nell’ufficio Stage & Job il supporto e l’interlocutore per accedere in modo mirato alle figure professionali di interesse.

Il Rettore Guido Saracco e la Delegata del Rettore per gli Alumni e l’Accompagnamento al Lavoro Carla Chiasserini hanno così commentato l’evento e la sfida che il Politecnico di Torino si prepara ad affrontare: “La tradizionale qualità della formazione offerta dal nostro Ateneo continua a garantire ai nostri laureati ottime prospettive occupazionali, come testimoniano i dati relativi al loro ingresso nel mondo del lavoro, ma anche il successo di iniziative come il nostro Career Day. La sfida che ci attende è quella di rendere i profili dei nostri laureati ancora più vicini alle esigenze delle aziende, soprattutto delle piccole e medie imprese, che costituiscono l’ossatura del nostro territorio e che hanno, oggi più che mai, necessità di innovazione. Per questo, cercheremo di creare momenti di incontro ad hoc tra le PMI e i nostri laureati e di creare un canale ancora più diretto tra il Politecnico e le aziende, anche finalizzato allo svolgimento di progetti di tesi e stage e, alla fine, all’assunzione dei nostri laureati”.

Digital Transformation

Qual è il lavoro del futuro? Quali competenze serviranno domani? Come cambierà il mondo del lavoro? A queste e ad altre domande risponderà Claudio Fumaroli, esperto di Risorse Umane, in occasione di Digital Transformation: qual è il lavoro del futuro?, appuntamento dedicato all’avvento del digitale e dell’economia web nel mondo lavorativo.

L’evento è parte di LABOR, un ciclo di aperitivi informativi promossi da Informagiovani per scoprire i diversi aspetti che caratterizzano il mondo del lavoro: dalla web reputation ai contratti, dalle professioni del futuro al colloquio di selezione.

Appuntamento a Lunedì 5 febbraio, h 18.30, presso l’Informagiovani, in via Garibaldi 25 a Torino.

L’ingresso è gratuito, ma i posti sono limitati. Conferma la tua partecipazione compilando il form online.

La capacità di garantire ai propri laureati una collocazione diretta nel mondo del lavoro è da sempre uno deiplus offerti dal Politecnico di Torino: oggi la classifica internazionale Graduate Employability Rankings 2018, proposta dal prestigioso istituto britannico QS, certifica che l’Ateneo è la prima università al mondo nel garantire prospettive occupazionali ai propri laureati.

L’Ateneo, infatti, si colloca al 1° posto al mondo per l’indicatore Graduate Employment Rate, uno dei cinque valutati dal ranking sull’occupabilità dei laureati,che quest’anno ha analizzato 600 università in tutto il mondo.

I criteri utilizzati sono la reputazione delle università presso i datori di lavoro, le partnership realizzate con le imprese, il successo dei laureati nelle proprie carriere, la presenza delle aziende nel campus e il tasso di occupazione dei laureati a un anno dal titolo.

In quest’ultimo indicatore, calcolato come rapporto tra la percentuale di occupazione dei Laureati dell’Ateneo (pari al 94%) e la media degli Atenei italiani esaminati (pari al 76.2%) il Politecnico di Torino ottiene il miglior risultato al mondo, a pari merito con il Moscow State Institute of International Relations (MGIMO University).

 Molto buone le prestazioni del Politecnico anche su altri due indicatori, rispetto ai quali l’Ateneo si colloca al 2° posto in Italia: Employer reputation e Employer-Student connection, che valutano rispettivamente la reputazione dell’Università presso i datori di lavoro e le opportunità offerte dalle Aziende alle Università per agevolare l’ingresso nel mondo del lavoro. Complessivamente, tenendo conto dei cinque indicatori utilizzati e del peso loro attribuito dal ranking,  l’Ateneo si colloca tra la 121 e la 130 posizione e rientra pertanto nell’ambito del 25% delle migliori Università al mondo.

“Il Politecnico di Torino ha investito molto in questi anni nella qualità della formazione, offrendo percorsi di studio impegnativi, che sanno contemperare solidi fondamenti disciplinari con un approccio trasversale e multidisciplinare. Vi sono due plus importantissimi, che valorizzano il nostro sistema formativo: da un lato  partnership forti con il nostro Territorio e con grandi imprese leader nei principali ambiti industriali e dei servizi avanzati, dall’altro una politica di internazionalizzazione che consente ad un elevato numero di studenti di trascorrere significativi periodi presso prestigiose università estere ed in molti casi di conseguire titoli congiunti.

Eravamo consapevoli che la formazione dei nostri laureati fosse apprezzata dal mercato del lavoro, ma questo posizionamento ci gratifica in modo particolare perché rappresenta un grandissimo riconoscimento per il formidabile lavoro che la nostra comunità universitaria ha svolto in questi sei anni”,  dichiara il Rettore Marco Gilli, che dalla Silicon Valley, dove si trova in missione, conclude: “Diventiamo sempre di più un polo di riferimento internazionale e siamo orgogliosi di contribuire, anche con questo significativo risultato, alla crescita e allo sviluppo del nostro Territorio e del nostro Paese”

 

Scade venerdì 6 ottobre 2017 il bando per iscriversi al corso biennale della Fondazione ITS Agroalimentare per il Piemonte: Mastro Birraio e Gastronomo sono corsi tenuti nelle sedi di Torino mentre quello di Trasformazione ortofrutticola presso la sede di Cuneo. Se interessati, non fatevi scappare l’Open day che avrà luogo oggi mercoledì 26 luglio presso Cnos-Fap Valdocco in via M. Ausiliatrice 36 a Torino.

Coltiviamo antichi saperi, produciamo innovazione

Prev123Next